Radicali, Verdi e giornali: programma Raggi preso qua e là. E' bufera

03 agosto 2016 ore 14:24, Americo Mascarucci
Nuova bufera su Virginia Raggi.
Stavolta non c’entrano niente i rifiuti e le polemiche sui presunti conflitti di interesse dell’assessore all'Ambiente Paola Muraro. Stavolta la bufera è su di lei e riguarda il programma di governo della città.
Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera il programma sarebbe stato copiato dal web. 
Un copia-incolla effettuato pare da altri programmi, ad iniziare da un documento programmatico della Federazione dei Verdi all'epoca in cui il partito ambientalista era guidato da Pecoraro Scanio. 
Un documento ancora rintracciabile online su un sito dei Verdi che in verità ormai da tempo quasi nessuno consulta più. 
La parte iniziale sarebbe pressoché identica: "Siamo portatori di una visione del mondo biocentrica che si oppone all’antropocentrismo che nella cultura occidentale ha trovato la massima espressione (…). Oggi, alla difesa di questi diritti (…) si aggiunge la lotta con lo specismo". 
Questo il testo del documento dei Verdi identico al programma presentato dalla Raggi tranne che nel termine "specista"che nel programma del sindaco appiccicato all'"antropocentrismo" sostituirebbe quello di "specismo".
A svelare il presunto copia-incolla Tommaso Martelli, candidato al Comune con la lista Marchini che sulla sua pagina Facebook ufficiale ha sottolineato che "è vero che Roma ha problemi più gravi; è vero che alcuni punti delle linee programmatiche sono anche condivisibili. Ma presentarsi ai romani col primo documento ufficiale scopiazzato qua e là non è stata la mossa migliore in termini di comunicazione e credibilità. Le fonti andrebbero sempre citate e (in alcuni casi) esiste il copyright, soprattutto se il soggetto in questione è chi si professa campione di onestà".

Radicali, Verdi e giornali: programma Raggi preso qua e là. E' bufera
Altri capitoli come quello della smart city, sarebbero stati invece "copiati" dal sito dei Radicali. Mentre altre parti sarebbero riprese da articoli saggi o proposte già presenti sul web.
Per i sostenitori della Raggi anche questa sarebbe una "tempesta in un bicchiere d’acqua",  perché "ispirarsi ad altri programmi non è nulla di disdicevole". 
Ispirarsi si, ma secondo i detrattori del primo cittadino si sarebbe andati oltre. Con un vero e proprio copia-incolla che sul web è facilmente riscontrabile.  

caricamento in corso...
caricamento in corso...