Cane con 100mila pulci 'vampire': lo salvano veterinario e trasfusione

03 agosto 2017 ore 12:54, Stefano Ursi
Si legge in queste ore la storia del cane Rascal, Terrier di 14 anni che vagava sull'isola di Vancouver. Quando il team di veterinari lo ha visitato ha però scoperto che quella che pareva sporcizia sul suo pelo, in realtà era un manto di migliaia di pulci, che lo stavano praticamente dissanguando. Lo riportano i media locali che raccontano come sul corpo del povero animale sono state trovate qualcosa come 100mila pulci; le quali, si legge, stavano succhiando tutto il sangue del cane, che ormai, con quasi l'85% dei globuli rossi ormai persi si avviava velocemente verso la morte.

Cane con 100mila pulci 'vampire': lo salvano veterinario e trasfusione
immagine di repertorio - Pixabay
L'idea dei veterinari per cercare di mettere in salvo l'animale è subito stata quella della trasfusione, per tentare di reimmettere una quantità sufficiente di sangue nel suo corpo: ad andare in soccorso dell'esecuzione rapida della trasfusione un dipendente della clinica veterinaria, che ha messo a disposizione la sua cagnolina Katie, femmina di pastore tedesco, ovviamente dopo aver valutato positivamente la possibilità che facesse da donatrice per Rascal. Dopo la trasfusione, spiegano i media locali, e anche in seguito alle cure e alle terapie somministrate, il cane che pareva spacciato è tornato progressivamente a stare meglio e ora sta bene. Qualche guaio potrebbero passarlo, si legge, gli eventuali proprietari del cane per via delle condizioni in cui è stato trovato.

Un particolare che ha molto toccato i media locali nei racconti che ne fanno, è stato il lavaggio a cui l'animale è stato sottoposto, nel quale l'acqua ha man mano assunto un colore vicino al rame, per via delle pulci che vi erano cadute dentro, piene di sangue del povero animale: ''Quando le pulci bevono il sangue e finiscono nell’acqua, tendono ad espellere il sangue digerito – ha spiegato il dott. Ken Langelier. È come – ha detto – se si fosse di fronte a un mare di sangue''. Le pulci, infatti, sono abituate a nutrirsi del sangue di cani e gatti, mordendone la pelle e arrecando, peraltro, all'animale fastidio e dolore. Ovviamente non se ne vanno spontaneamente e se non vengono sottoposte a trattamento si riproducono in maniera velocissima, divenendo in breve tempo moltissime e infestando rapidamente il pelo degli animali e l'ambiente in cui essi vivono.

#cane #pulci #sangue #veterinario

autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...