Gb, per obesi e fumatori attesa più lunga per interventi: "Oltraggioso"

30 novembre 2016 ore 13:49, Micaela Del Monte
L'azienda sanitaria di Vale of York, nello Yorkshire in Inghilterra, ha adottato un nuovo metodo per le liste d'attesa. Un metodo poco convenzionale che vedrà obesi e i fumatori dover attendere più degli altri pazienti prima di subire un intervento non urgente. I malati sovrappeso dovranno dimagrire del 10% prima di potersi 'meritare' l'ingresso in sala operatoria, mentre chi si ostina a fumare nonostante le indicazioni dei medici deve mettere in conto almeno sei mesi di attesa in più rispetto agli altri. Un modello questo che potrebbe essere esteso anche altrove. 

Gb, per obesi e fumatori attesa più lunga per interventi: 'Oltraggioso'
L'iniziativa, che secondo molti è stata pensata per ragioni di mero risparmio nella spesa sanitaria, ha suscitato un coro di critiche, guidato da una delle figure più autorevoli in fatto di sanità, Clare Marx, presidente del Royal College of Surgeons (Rcs), secondo cui i pazienti "devono essere trattati in base ai sintomi" e non secondo forme di discriminazione. I dirigenti medici di Vale of York hanno dovuto quindi spiegare che la loro linea guida non prevede una esclusione dagli interventi ma solo un ritardo e che verrà valutato ogni singolo caso prima di infliggere eventuali penalità.
Per rassicurare i pazienti obesi e i fumatori è persino intervenuto un portavoce di Downing Street, che si è fatto così da 'garante' di quanto promesso dai vertici dell'azienda sanitaria del nord Inghilterra e ricordato che la salute del paziente viene sempre prima di tutto. Si può dire che c'è stata una sorte di contrordine rispetto a quanto annunciato dallo stesso ospedale, lo scorso settembre. All'epoca, aveva fatto molto clamore la decisione che obesi e fumatori non avrebbero proprio più potuto sottoporsi alle operazioni di routine per un anno, al punto che era intervenuto persino il ministro della Salute, Norman Lamb, giudicandola oltraggiosa e chiedendo un approccio clinico più ragionevole. Due mesi più tardi, ecco la nuova decisione.
caricamento in corso...
caricamento in corso...