Nonna gioca a Pokémon Go e si allunga la vita: l'elisir nei muscoli

31 ottobre 2016 ore 9:00, Andrea De Angelis
Una cosa è la dipendenza, altra il passatempo. Due mondi opposti, è evidente. Un po' come accade per tutto nella vita di ciascuno di noi, si sa che abusare non solo fa male, ma può diventare sempre più pericoloso. Gli esempi sono molteplici: dall'azzardo al cibo, solo per citarne un paio. 

Così funziona anche con i giochi, con le famose applicazioni che ci accompagnano durante tutto l'arco della giornata trovandosi su smartphone. Lo sanno bene coloro che le inventano, le progettano: possono far letteralmente "fissare" un ampio pubblico di clienti. Ma, fortunatamente, c'è anche chi riesce ad usarle con misura e a volte il loro utilizzo può portare benefici anche inaspettati.

Nonna gioca a Pokémon Go e si allunga la vita: l'elisir nei muscoli

Come riporta urbanpost.it, Pokemon Go sembra avere anche effetti molto positivi sia sugli adolescenti sia sugli anziani: è notizia di questi giorni la vicenda di una nonna giapponese che, grazie ai Pokemon, ha rivoluzionato completamente il proprio stile di vita. L’anziana donna non solo è diventata un’allenatrice provetta bensì ha anche coinvolto gli amici nella caccia ai mostriciattoli: il gruppo di nonni giapponesi ha così iniziato ad uscire di casa, camminare di più e di conseguenza avere muscoli più tonici.

I mostriciattoli ideati da Satoshi Tajiri nel 1996 sono tornati alla ribalta ed è proprio il caso di dire che stanno andando al di là di ogni più rosea previsione. I Pokémon sono infatti tornati alla ribalta grazie alla nuova applicazione Pokémon Go disponibile per Android e iOs. Di fatto l'app, nata dalla collaborazione tra Niantic Labs, The Pokémon Company e Nintendo, in poco più di sette giorni è riuscita a diventare il più grande videogioco mobile della storia degli Stati Uniti. E il suo successo continua ormai da sei mesi
caricamento in corso...
caricamento in corso...