Qual è la differenza tra abbacchio e agnello? Quello che non avete mai capito

04 aprile 2015, Orietta Giorgio
Qual è la differenza tra abbacchio e agnello? Quello che non avete mai capito
E' Pasqua, giorno di rinascita e di pace. Tra sacro e profano, le tradizioni sono dure a morire, ci si ritroverà ad organizzare e a consumare pranzi infiniti. Qualcuno sceglierà un menù alternativo mentre qualcuno non potrà fare a meno di cucinare e mangiare carne di agnello e di abbacchio. 

Ma sappiamo di cosa (chi) stiamo parlando? 

L’agnello è la pecora nei primi mesi di vita, svezzata, che non si nutre solo di latte materno. Il suo peso varia dai 7 ai 13 kg. Simbolo di purezza e innocenza, nel Nuovo Testamento simboleggia la figura di Gesù Cristo sacrificato per la salvezza degli uomini: “l’agnello di Dio che toglie i peccati dal mondo”. 

L’abbacchio o lattonzolo, invece, è l’agnello nutrito solo con il latte materno. In media pesa 4-6 kg, peso raggiunto sforzando lo sviluppo naturale dell'animale. Viene macellato a 25-30 giorni di età. 

Sull'origine del termine ci sono pareri discordanti, etimologicamente il termine abbacchio risale ad abecula o avecula, a sua volta derivante da ovacula o ovecula, diminutivo del latino ovis (pecora), un’ altra voce vorrebbe che il termine derivi dal latino ad baculum, "vicino al bastone", indicando la pratica, ancora in uso, di legare l’agnello da latte non ancora svezzato, ad un bastone conficcato nel terreno. 

Il termine “abbacchiare” potrebbe far pensare anche alla tecnica con la quale venivano uccisi questi animali, nel dialetto romanesco, le persone “abbacchiate” sono persone affrante, abbattute. Insomma... niente a che vedere con resurrezione e vita nuova. 

Le ricette per cucinare agnello o abbacchio sono innumerevoli e numerosi gli animalisti che propongono ricette alternative cruelty free altrettanto gustose. Sono tanti i siti dove si possono trovare perfetti menù pasquali vegetariani e vegani, per salvaguardare la nostra salute e quella degli animali. Tanto per non tradire la tradizione possiamo mangiare gli agnellini di zucchero e i dolci a forma di colomba. Ma l'importante è anche capire di cosa-chi si sta parlando quando si usano certi termini.
caricamento in corso...
caricamento in corso...