Serena Rossi per saldi con assegno rubato, truffa e finta identità. Sosia in manette

04 luglio 2016 ore 12:53, Lucia Bigozzi
E’ un po’ come il classico “lei non sa chi sono io…”. Stavolta la declinazione è diventata: “Ma non mi riconosce? Sono Serena Rossi, l’attrice di “Un posto al sole”. Fidatevi, questo è un assegno coperto...”. Tanto è bastato per mettere a segno una truffa degna del film di Totò e Peppino che volevano vendere la fontana di Trevi. Protagoniste la finta Serena Rossi – che ha giocato sulla somiglianza fisica con l’attrice – e la complice, due napoletane trentenni che nei giorni scorsi si sono presentate nella gioielleria Cartier in via Condotti, nel centro di Roma e hanno acquistato un orologio del valore di 4mila euro. Le due non sono nuove a truffe del genere e dagli accertamenti è risultato che a carico hanno diversi precedenti. Sulle loro tracce si sono messi i carabinieri della compagnia Roma Centro che le avevano viste fare shopping. Il blitz è scattato quando le due donne sono uscite dal negozio della maison francese. 

Serena Rossi per saldi con assegno rubato, truffa e finta identità. Sosia in manette
All’interno di una borsa avevano la custodia dell’orologio appena comprato con un assegno poi risultato rubato. Per entrambe è scattato l’arresto.
A ben guardare gli inquirenti, si sono trovati di fronte una delle due giovani, praticamente sosia dell’attrice della famosa fiction di RaiTre, ovviamente estranea ai fatti. Il gip ha già convalidato l’arresto. Resta da capire che durante la trasferta romana delle due napoletane sono state messe a segno altre truffe simili a quella fatta ma subito scoperta e sventata dai carabinieri. 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...