Brasiliano nudo a San Pietro: la gendarmeria vaticana supera il "test"?

05 gennaio 2016 ore 10:22, Adriano Scianca
Brasiliano nudo a San Pietro: la gendarmeria vaticana supera il 'test'?
Mettiamola così: si è trattato di un test per la vigilanza vaticana, in un periodo in cui l'attenzione è massima a causa dell'allerta terrorista. Non era un affiliato dell'Isis, tuttavia, l'uomo che ieri è entrato nella basilica di San Pietro e si è fatto un giro, completamente nudo, dentro la navata centrale della chiesa, fino a raggiungere di corsa il Baldacchino del Bernini. Comprensibile lo sgomento e anche la paura di fedeli e turisti di fronte a un individuo che, con indosso solo uno zainetto nero e un paio di scarpe da ginnastica, con capelli lunghi e barba incolta, ha cominciato a gridare delle preghiere prima dell’intervento della gendarmeria vaticana che l’ha bloccato e immobilizzato. 

Gli agenti vaticani hanno coperto l’uomo – il 44enne Luis Carlos Cherubino, brasiliano di San Paolo, infermiere professionale da qualche giorno a Roma - con un cappotto e l’hanno portato nei loro uffici, da dove poco dopo è stato trasferito all’ospedale Santo Spirito. Il quarantenne era infatti in stato confusionale. Del fatto, che non avrebbe comunque comportato complicazioni alla vigilanza, sono state anche informate le autorità di polizia italiane. L'uomo, che aveva superato regolarmente i controlli di sicurezza, è stato quindi portato all'ospedale Santo Spirito. "Riteniamo che sia un senza fissa dimora", ha affermato il vice direttore della sala stampa vaticana, padre Ciro Benedettini: "E' stato ricoverato nel reparto di psichiatria".
caricamento in corso...
caricamento in corso...