Bertolucci chiude polemiche su Ultimo tango: "Burro come spari di John Wayne"

06 dicembre 2016 ore 11:37, Adriano Scianca
Bernardo Bertolucci interviene, per l'ennesima volta, sul “caso” di “Ultimo tango a Parigi”. Sui social si è recentemente tornati a discutere della famosa “scena del burro” e dell'impatto che essa avrebbe avuto sull'attrice Maria Schneider, che dichiarò di essere stata “quasi violentata” sul set. Proprio per quella sequenza, nel 1976 la pellicola fu condannata alla distruzione. 

Bertolucci chiude polemiche su Ultimo tango: 'Burro come spari di John Wayne'

Ora il regista è tornato a chiarire la sua versione: “Qualche anno fa – ha detto Bertolucci - alla Cinematèque Francaise, qualcuno mi ha chiesto dettagli sulla famosa scena del burro. Io ho precisato di avere deciso insieme a Marlon Brando, di non informare Maria che avremmo usato del burro. Volevamo la sua reazione spontanea a quell'uso improprio. L'equivoco nasce qui. Qualcuno ha pensato, e pensa, che Maria non fosse stata informata della violenza su di lei. Falso! Maria sapeva tutto perché aveva letto la sceneggiatura, dove era tutto descritto”. 

Insomma, “l'unica novità era l'idea del burro”, spiega il cineasta in una nota in cui intende chiarire “per l'ultima volta, un ridicolo equivoco che continua a riportare Ultimo Tango a Parigi sui giornali di tutto il mondo. È quello che, come ho saputo molti anni dopo, offese Maria, non la violenza che subisce nella scena e che era prevista nella sceneggiatura del film. È consolante e desolante che qualcuno sia ancora così naif da credere che al cinema accada per davvero quello che si vede sullo schermo. Quelli che non sanno che al cinema il sesso viene (quasi) sempre simulato, probabilmente, ogni volta che John Wayne spara a un suo nemico, credono che quello muoia per davvero”.
caricamento in corso...
caricamento in corso...