Bullismo al Ketoprofene: faceva sniffare il farmaco ai compagni. E' di moda negli Usa

07 gennaio 2016 ore 11:04, intelligo
Bulli con l'Oki: incredibile ma vero. Ora le violenze ai compagni si fanno coi farmaci. A denunciare il bullo 14enne i genitori dei ragazzi che vogliono che sia approfondita la faccenda che potrebbe essere avvenuta nelle mura della scuola. L'intervento della Polizia di Stato è avvenuto prima del periodo delle vacanze scolastiche natalizie e sarebbe dovuto alla denuncia di più di una coppia di genitori di alunni di una scuola media di Modica. Sotto accusa un 14enne che avrebbe commesso gli atti (secondo l'accusa) in presenza di altri compagni di classe più o meno "solidali". Andrà accertata la verità attraverso l'investigazione ora, ma serve sapere che questa può scattare solo se viene dato l'allarme al personale che si occupa della materia nella Polizia di Stato, il quale provvede poi a contattare il Dirigente scolastico e i docenti, oltre che il preside. In questo caso proprio al preside erano stati segnalati gli atti da parte di un ragazzo appena più grande degli altri. E si parlerebbe anche di un ragazzo picchiato, una sorta di pestaggio, avvenuto prima di offrire l'Oki a quegli stessi compagni che avevano deriso il malmenato. Insomma,  atti di prepotenza che potrebbero essere accaduti durante l’orario scolastico nel momento della ricreazione. Reati procedibili a querela di parte, che se confermati possono comprendere l le lesioni personali e la somministrazione di un medicinale senza alcun titolo abilitativo, con l'abuso di professione sanitaria. Ora il bullo raggiunto dalle accuse pare sia scoppiato in lacrime, ma le sue scuse giuridicamente andranno valutate rispetto alla coscienza della pericolosità dei gesti compiuti (i rischi e gli
Bullismo al Ketoprofene: faceva sniffare il farmaco ai compagni. E' di moda negli Usa
effetti - dice lui - non sarebbero stati compresi al momento degli atti). Intanto “La Polizia di Stato raccomanda a tutti i giovani di denunciare i fatti reato subiti e di non sottovalutare quanto commesso dai coetanei o da ragazzi poco più grandi, in quanto non si tratta di stupidi scherzi ma di veri e propri reati”.

Purtroppo il fenomeno viene da lontano ed è di moda: in Usa i giovani usano abusare così della sostanza con tanto di doveroso intervento dei medici inerente ai rischi di quest'anti-infiammatorio: “Questi farmaci, a base di Ketoprofene, ha la triplice azione di antinfiammatorio, antidolorifico e antipiretico, al pari dell’aspirina, anche se con più o meno efficacia a seconda delle indicazioni. Gli effetti collaterali negativi sono, proprio come l’aspirina, a livello gastrico: dal momento che inibisce la formazione di quella pellicola che protegge le pareti dello stomaco dai succhi gastrici, può provocare ulcera. Effetti più importanti, in caso di abuso, si possono avere anche in pazienti che hanno già altre patologie, come in malati cronici di insufficienza renale o con patologie epatiche, ma si tratta di soggetti particolari. In realtà, in persone normali o anche in ragazzi, se sniffato non è provato che abbia alcun effetto stupefacente ma come minimo un’irritazione della mucosa nasale”.


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...