Stimmate dopo aver interpretato Gesù: guerra di religione a Samoa

08 aprile 2016 ore 21:23, Adriano Scianca
È ritenuto un paradiso terrestre, ma l'armonia delle isola Samoa potrebbe essere messa a repentaglio da... una recita scolastica. Tutta colpa della 23enne Toaipuapuaga Opapo Soana, che dopo aver interpretato Gesù in una recita in una scuola a Pasqua sostiene di aver ricevuto il dono delle stimmate. Ora i media stanno mandando di continuo in onda le immagini di Soana con le ferite sanguinanti alle mani, ai piedi e alla fronte e quelle di fedeli in pellegrinaggio nel suo villaggio natale. Come sempre, in questi casi, c'è chi crede all'insondabilità del mistero religioso e chi invece punta dritto alla bufala. L'opinione pubblica si sta dividendo tra chi crede al miracolo e chi no, ma la vicenda sembra eccedere lo spazio della chiacchiera da talk show.

Stimmate dopo aver interpretato Gesù: guerra di religione a Samoa
Basti pensare che persino il Primo ministro Tuilaepa Sa'ilele Malielegao è intervenuto sulla vicenda: lui cattolico crede nelle stigmate di Toaipuapuaga Opapo Soana. Altri, con in testa il pastore protestante Samoa Uti, sono scettici e ritengono che le ferite sanguinanti della 23enne una bufala o un fenomeno psicosomatico risultato di una "isteria religiosa". Sullo sfondo, uno scontro tra cattolici e protestanti decisamente inedito nell'arcipelago del Pacifico. Le stimmate, infatti, sono un fenomeno tipico dei paesi a tradizione cattolica. Più “razionalista” e meno incline al miracolo, il protestantesimo è sempre stato più che scettico su questi fenomeni. La cosa particolare, però, è che Soana fa parte di una Chiesa protestante. Quello che preoccupa le autorità è proprio il fatto che il dubbio si è insinuato nei seguaci di entrambi le comunità religiose che da sempre convivono pacificamente. "Non c'è una posizione ufficiale sulla questione, ma l'ultima cosa che vogliamo è che divida la gente e la nostra pacifica nazione religiosa", ha commentato un alto prelato delle Chiese protestanti. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...