Scoperto "gene dei gufi" allergico al letto: tutti i danni del poco sonno

08 aprile 2017 ore 15:02, Americo Mascarucci
E' stato scoperto il gene che spingerebbe le persone ad andare a dormire molto tardi la notte con conseguente fatica di alzarsi presto l'indomani. Lo hanno ribattezzato "gene dei gufi" proprio perché porta le persone a scambiare sempre di più la notte col giorno. Fatto questo però che provoca inevitabili scompensi durante l'intero arco della giornata. Il gene è stato scoperto da una ricerca della Rockefeller University pubblicata sulla rivista Cellche individua il difetto genetico (mutazione) a carico del gene 'CRY1'.
Scoperto 'gene dei gufi' allergico al letto: tutti i danni del poco sonno
 

LO STUDIO
Lo studio ha analizzato il sonno di sei famiglie turche. In 39 erano portatori della variazione genetica, 31 non lo erano. Il punto centrale del sonno dei non portatori è stato registrato intorno alle quattro del mattino; per gli altri si spostava tra le sei e le otto. La variazione genetica è ereditaria. 
Lo studio condotto dagli scienziati Michael Young e Alina Patke ha messo per la prima volta in evidenza che tale sindrome, che colpisce una persona su dieci, si accompagna proprio alla variazione del gene. Gli studiosi, tuttavia, tengono a precisare che i disturbi del sonno “posticipato” possono essere attribuiti anche a cause non collegate all'aspetto genetico.  Gli esperti hanno quindi consultato database genetici e hanno trovato altri individui portatori della stessa mutazione, calcolando così che questa è piuttosto frequente, presente nel DNA di una persona ogni 75. Le prossime ricerche cercheranno di individuare nuove indicazioni terapeutiche per coloro che, non riuscendo ad addormentarsi presto la sera e dovendosi svegliare presto, sono perennemente in debito di sonno.

EFFETTI MANCATO SONNO
La privazione del sonno ha effetti biologici anche gravi: sbalzi di umore, irritazioni agli occhi, perfino allucinazioni. Altri effetti potenzialmente gravissimi dell’insonnia riguardano il cuore. Dormire poco può portare a sbalzi di pressione anormali che aumentano il rischio di patologie cardiovascolari, come pressione alta e vari problemi cardiaci. Effetti possono verificarsi anche sul metabolismo dei carboidrati e sulle funzioni dell’apparato endocrino con due conseguenze drastiche: si diventa vecchi prima del tempo e si ha una difesa immunitaria meno forte. Se la barriera della difesa immunitaria si allenta si dventa facile preda di molte malattie.
La sonnolenza è poi alla base del 20 per cento degli incidenti stradali. 

#genegufi #sonno #studio

caricamento in corso...
caricamento in corso...