Prurito da jogging, non è una scusa ma una mutazione genetica

08 febbraio 2016 ore 20:37, Micaela Del Monte
Secondo una ricerca del National Human Genome Research Institute pubblicata su “New England Journal of Medicine” c'è un motivo se odiate fare jogging, e se questo vi causa una vera e propria allergia sappiate che non si tratta di una scusa o di pigrizia. Anzi, il motivo è molto più scientifico e figlio di un gene leggermente mutato che si trova nel Dna di alcuni di noi.

Questa "mutazione" infatti causa una sorta di avversione nei confronti delle vibrazioni generate dall’attrito dei passi sul terreno, ma anche dal tremolio di un autobus o dal battito delle mani. Questi micro-movimenti possono scatenare, nelle persone che hanno appunto una particolore mutazione del Dna, una insolita orticaria. Con un rush cutaneo temporaneo. 

Prurito da jogging, non è una scusa ma una mutazione genetica
Il team di scienziati ha identificato la mutazione genetica responsabile di questa rara forma di allergia, nota come orticaria vibratoria. Oltre a segni rossi e prurito sulla pelle, le persone colpite da questa condizione possono sperimentare anche vampate, mal di testa, affaticamento, visione sfocata o un sapore metallico in bocca. I sintomi di solito scompaiono nel giro di un'ora, ma potrebbero anche verificarsi diversi episodi durante una giornata. La vibrazione dovuta alla corsa o a un viaggio su un bus su un terreno particolarmente sconnesso produce il rilascio di sostanze chimiche infiammatorie dai mastociti del sistema immunitario, questo a sua volta genera il rush cutaneo.

Gli scienziati hanno analizzato il patrimonio genetico di tre famiglie e sequenziato il Dna di 36 componenti, affetti e non, dall'orticaria vibratoria. Si è scoperto che una singola mutazione del gene Adgre2 è condivisa dai familiari colpiti dalla singolare allergia. Ora lo studio punta a comprendere meglio la malattia e a cercare ulteriori mutazioni del gene nel mirino.

caricamento in corso...
caricamento in corso...