"Sollecito" a fare un'app sulle pompe funebri più vicine

09 febbraio 2016 ore 12:18, Americo Mascarucci
'Sollecito' a fare un'app sulle pompe funebri più vicine
La nuova vita di Raffaele Sollecito, dopo l’assoluzione definitiva in Cassazione per l’omicidio di Meredith Kercher che lo ha visto alla sbarra e in carcere insieme all’ex fidanzata americana Amanda Knox, passa per le pompe funebri. 
In questi giorni in conferenza stampa a Sanremo ha presentato la sua startup che si chiama "Memories" un social network per commemorare i defunti. L’utente può caricare foto e video e inviare fiori. Grazie a un e-commerce, infatti, chi vuole potrà recapitare fiori sulla lapide anche a distanza. 
Per realizzare la sua idea, ha ricevuto un finanziamento dalla Regione Puglia a seguito della vittoria di un bando per under 35 disoccupati. "Me lo hanno comunicato dopo la sentenza di Cassazione. Avevo i requisiti. Mi danno 66mila euro per tre anni, la metà a fondo perduto". 
Tuttavia non mancano le polemiche soprattutto perché il pensiero inevitabilmente non può non andare alla povera Amanda, uccisa quella notte di Halloween a Perugia e a questo punto non si sa da chi. Sollecito è stato assolto definitivamente, quindi è innocente oltre ogni ragionevole dubbio. Nonostante ciò per anni è stato al centro delle cronache perché ritenuto coinvolto nell’omicidio della studentessa americana. Se avesse aperto una startup offrendo altri tipi di servizi probabilmente la notizia non avrebbe avuto tanto clamore, ma trattandosi appunto di pompe funebri e servizi cimiteriali naturalmente la cosa non può non avere un impatto in più. E Sollecito stesso sembra confermare come l’idea sia nata proprio nel periodo in cui stava affrontando il suo calvario giudiziario fortunatamente conclusosi, per lui, con l’assoluzione definitiva. 
"Il progetto di ricordare una persona cara, anche a distanza, mi è venuta mentre ero in carcere – spiega -  Nel 2005 è mancata mia mamma e ho iniziato a pensare ad un modo che potesse commemorare i nostri cari, anche senza la nostra presenza sul posto".
Ad ogni modo non bisogna dimenticare che un imputato, qualsiasi imputato, ha il diritto di essere considerato innocente rispetto al reato che gli viene imputato fino a sentenza passata in giudicato. E' vero che Sollecito ha presentato il progetto quando era ancora sotto inchiesta, ma nessuna legge gli impediva di farlo e nessuna legge gli impedisce di ottenere il contributo pubblico per avviare la sua startup. Certo, qualora fosse ancora sotto inchiesta o fosse stato condannato, la cosa avrebbe assunto un significato diverso ma avendo la magistratura accertato che Sollecito non è colpevole di nulla, lo scandalo non c'è se non nel campo del puro e semplice clamore mediatico. 
Grazie ai servizi offerti da Memories si potrà chiedere di far pulire la lapide, o di portare un mazzo di fiori sulla tomba del proprio caro nel giorno del suo compleanno. In entrambi i casi una fotografia testimonierà l’operazione eseguita e quella stessa immagine potrà essere condivisa online. Ma non basta. Una mappa mostrerà dove è sepolto esattamente il caro estinto. E ancora, nell’impossibilità di organizzare tutto da lontano, sul sito si troverà l’elenco completo degli specialisti del servizio nella sezione e-Commerce dove i prodotti potranno essere acquistati con un clic. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...