L'insonnia si combatte col cane a letto. Ma anche il gatto va bene

10 dicembre 2015 ore 10:13, Andrea De Angelis
L'insonnia si combatte col cane a letto. Ma anche il gatto va bene
Chi l'ha detto che dormire con il proprio amico a quattro zampe fa male?
"Vedrai, ti verrà qualche malattia" o ancora "ma non ti schifi dei peli?". Sono tanti a dirci di non farlo, perché si tratta pur sempre di animali e il letto, non sia mai, è sacro. Le lenzuola, il cuscino poi: guai a chi li tocca. Almeno nell'immaginario collettivo. Ma chi vive con un cane o un gatto sa bene che quella creatura fa parte a tutti gli effetti della famiglia. Notte compresa. 

Così se nei cartoni animati siamo abituati a vedere i cani dormire vicino i letti dei loro padroni o al massimo sulla coperta, ecco che nella realtà migliaia di italiani dormono letteralmente vicino al proprio animale domestico. Una scelta che, come detto, non piace a tutti, anzi forse alla maggior parte delle persone, specie coloro che non hanno mai ospitato un animale a casa. 
Dividere il letto con un animale domestico potrebbe aiutare a risolvere i problemi di sonno. Lo sostiene una ricerca americana della Mayo Sleep Clinic, secondo cui un numero consistente di persone afferma di dormire meglio proprio in questo modo. E non si tratta solo di single, ma anche di persone il cui partner viaggia o lavora di notte. Lo studio ha coinvolto 150 volontari, di cui il 49% proprietario di un animale domestico. Oltre la metà dei '4 zampe' divide la camera o il letto con il padrone e il 20% di chi ne possiede uno lamenta che gli animali disturbano il sonno russando o piagnucolando. Dunque non sono pochi a lamentarsi, come del resto accade proprio con le persone: chi non ha mai raccontato a cena dell'insopportabile russare del marito? Per non parlare del pianto dei figli. 
Tuttavia, sottolineano gli esperti, un numero importante di partecipanti ha risposto di non avere nessun problema a dividere il letto con il proprio animale domestico e per molti è addirittura un vantaggio. Specie se si tratta di single. Una donna di 64 anni ha detto di sentirsi "più appagata quando il suo cagnolino dorme sulla coperta vicino ai suoi piedi - racconta Lois Krahn, autrice dello studio - Una donna sposata ha descritto i suoi 2 cuccioli come amabili 'scaldaletto', una 50enne sostiene di non essere infastidita se il suo gatto le dorme sul petto, mentre un'altra dice di trovarlo rilassante".

"Molti proprietari vedono gli animali da compagnia come membri della famiglia e desiderano integrarli il più possibile in tanti aspetti della loro vita - spiega Krahn - Visto che gli esseri umani trascorrono molto tempo a dormire, è comprensibile il desiderio di avere accanto il proprio cucciolo anche durante la notte. Mentre sempre più famiglie hanno più di un animale domestico, la sfida è continuare ad assicurarsi una buona qualità del sonno". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...