Ma quale Halloween, l'Italia celebra i morti anche sui social. Le tradizioni del 2 novembre

02 novembre 2015, Marta Moriconi
Ma quale Halloween, l'Italia celebra i morti anche sui social. Le tradizioni del 2 novembre
L'idea di ricordare i morti è antica e profonda. La Commemorazione dei defunti (in latino Commemoratio Omnium Fidelium Defunctorum, ossia Commemorazione di Tutti i Fedeli Defunti), è una Festa cattolica celebrata il 2 novembre di ogni anno e che Halloween e le sue maschere non riescono a spodestare. 

E tante sono le tradizioni. 

Nei paesi dell'America Centrale -riporta Wikipedia- è consuetudine, oltre a visitare i cimiteri, addobbare le tombe con fiori e depositare sulle stesse giocattoli (se il defunto è un bambino) o alcolici. 

In Messico, in alcune abitazioni, è ancora consuetudine preparare l'altare dei morti: tale manufatto viene arricchito con immagini del defunto, una croce, un arco e incenso. Ciò in quanto il credo popolare pensa che, durante tale giorno, lo spirito dei defunti venga a trovare i loro cari. 

Nelle Filippine è consuetudine abbellire le tombe dei propri cari, oltre che offrire preghiere per tutti i defunti. E In Italia?

Si visitano i cimiteri locali, si portano fiori e lumini sulle tombe dei propri cari. In Umbria e nel Lazio e in Calabria è diffusa l'usanza di preparare alcuni dolciumi come le fave dei morti. In Sicilia durante la notte di Ognissanti la credenza vuole che i defunti della famiglia lascino dei regali per i bambini insieme alla frutta di Martorana e altri dolci caratteristici.

Ma nel 2015 si festeggiano anche sui social. Ecco come. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...