Primavera stellare: come vedere Panstarrs, cometa "a due passi" dalla Terra dopo l'83

22 marzo 2016 ore 17:30, Andrea De Angelis
Di solito la primavera la si accoglie con il naso. Vuoi per le allergie (purtroppo), vuoi per gli odori che porta con sé. Il famoso "profumo di primavera" non è un qualcosa che appartiene solo ai versi dei poeti, ma una sensazione che emoziona giovani e anziani. Ad ogni latitudine. 

Quest'anno però la primavera la si potrà gustare, proprio all'inizio, soprattutto con gli occhi. E sarà uno sguardo record quello che potremo rivolgere verso il cielo prima ancora che nei confronti di un paesaggio variopinto. 
La cometa P/2016 BA14 (PanSTARRS) passerà a una distanza record dalla Terra, volando ad appena 3,4 milioni di km dal nostro pianeta. Già una settimana fa, esattamente il 15 marzo, la cometa ha raggiunto il perielio, ma solo ora si avvicinerà al massimo e lo farà insieme ad un'altra cometa, la 252P/LINEAR. Qual è la differenza tra le due? Panstarrs passerà nell'emisfero celeste boreale, mentre Linear volerà in quello australe. Ma è proprio Panstarrs ad essere unica, una vera chicca (verrebbe da dire "manna dal cielo") per gli appassionati. La sua distanza dalla Terra è infatti eccezionale perché con i suoi tre milioni e mezzo di chilometri rientra nelle dieci comete che negli ultimi due millenni sono transitate più vicino al nostro pianeta. 
Primavera stellare: come vedere Panstarrs, cometa 'a due passi' dalla Terra dopo l'83
Guardando indietro nel tempo bisogna andare fino al 1983 quando C/1983 H1 IRAS-Araki-Alcock passò comunque un milione di chilometri più distante da quanto farà ora Panstarrs.

Attenzione però: la cometa non sarà visibile a occhio nudo, dunque sarà necessario dotarsi dei necessari strumenti. Un evento comunque unico per chiunque stia leggendo questo pezzo, infatti non potremo mai vederne di simili. Il motivo è semplice: non ci sarà, salvo sorprese, nulla di paragonabile per i prossimi centocinquant'anni

caricamento in corso...
caricamento in corso...