Un'amatriciana nel mondo per Amatrice, la proposta di Slow Food con la vera ricetta

25 agosto 2016 ore 18:50, Micaela Del Monte
Un'amatriciana per Amatrice. E' questa l'iniziativa lanciata da SlowFood, l'associazione guidata da Carlo Petrini, che invita a donare 1 euro a carico del ristoratore e 1 dal cliente per ogni piatto di amatriciana consumato. L'idea arriva appunto dall'associazione internazionale no profit impegnata a ridare valore al cibo e prevede appunto di avere la pasta amatriciana per un anno nella carta dei menu di tutti i ristoranti del mondo, per una donazione duratura di 2 euro per ogni piatto che contribuisca alla ricostruzione del comune reatino distrutto dal sisma.

Un'amatriciana nel mondo per Amatrice, la proposta di Slow Food con la vera ricetta
Slow Food insomma rilancia ed amplia l'iniziativa partita ieri dall'idea da vari soggetti pubblici e privati denominando il progetto "Futuro Amatrice". "Vuole essere un'iniziativa nel tempo, - spiega Carlo Petrini- per il futuro e la ricostruzione di quel paese devastato. Vogliamo- continua- contribuire ad evitare il rischio che lo slancio di generosità e l'attenzione calino dopo 15 giorni quando si attenua l'onda emotiva del momento. L'amatriciana – aggiunge ancora Petrini - è un piatto umile simbolo di quella cultura contadina che si fonda sulla solidarietà. I fondi destinati ad Amatrice devono essere durevoli e la raccolta costante".

La donazione, 1 euro a carico del ristoratore e 1 dal cliente per ogni piatto di pasta all'amatriciana consumato, verrà fatta- si legge in una nota-  direttamente al Comune di Amatrice (coordinate bancarie IT 28 M 08327 73470 000000006000). Petrini illustrerà l'iniziativa 'Futuro per Amatrice', concordata oggi con il sindaco del comune reatino, nei prossimi giorni a Copenaghen, dove si terrà un simposio con oltre 400 chef di tutto il mondo.

Ecco la ricetta originale dell'amatriciana:

- Far rosolare il guanciale in una padella senza l'aggiunta di sale o olio
- Far sfumare il tutto con una spruzzata di vino
- Nel frattempo preparare il sugo, categoricamente senza cipolla. Aggiungere sale, poco olio e una noce di burro. Lasciare andare il sugo a coperchio giuso
- Mischiare il tutto e aggiungere una spolverata di pecorino romano abbondante e peperoncino a piacimento
caricamento in corso...
caricamento in corso...