Pasta, legumi e altro ancora: sabato con la colletta alimentare aiuteremo davvero i poveri

25 novembre 2015 ore 8:13, Andrea De Angelis
Pasta, legumi e altro ancora: sabato con la colletta alimentare aiuteremo davvero i poveri
A parole siamo tutti capaci, del resto riempirsi la bocca di solidarietà è facile. Fin troppo. Poi passare alle azioni è sicuramente meno semplice, perché si tratta di mettere in gioco qualcosa. Tempo, denaro, sorrisi. Sì, anche quelli a volte ci costano. Così nascondersi, più o meno legittimamente, dietro il classico "non so che fine fanno i soldi che dono" è ormai quasi scontato. Questo sabato però sarà possibile donare concretamente, dare una mano. Senza se e senza ma. 

Merito della colletta alimentare che torna dopo il successo delle passate edizioni. Torna, per il diciannovesimo anno in tutta Italia, la Giornata nazionale della colletta alimentare, promossa dalla Fondazione Banco alimentare. L'appuntamento è dunque per sabato 28 novembre in oltre diecimila supermercati. Andiamo dunque a vedere i numeri.
Più di 135.000 volontari in oltre 11.000 supermercati inviteranno a donare alimenti a lunga conservazione che verranno distribuiti a 8.100 strutture caritative (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza, ecc.) che aiutano circa 1.560.000 persone bisognose in Italia

Pasta, legumi e altro ancora: sabato con la colletta alimentare aiuteremo davvero i poveri
Chi fa la spesa, sabato, potrà quindi acquistare qualcosa da lasciare ai volontari per i più povero. Le donazioni di alimenti ricevute in quel giorno andranno a integrare quanto il Banco Alimentare recupera grazie alla sua attività quotidiana, combattendo lo spreco di cibo, oltre 75.000 tonnellate distribuite quest’anno. Dunque è importante dare una mano sabato, ma anche ricordare e applaudire a chi, giorno per giorno, recupera cibo che altrimenti andrebbe sprecato. Un peccato mortale, come testimoniano le parole di Papa Francesco riportate puntualmente da Avvenire.it: "La fame oggi ha assunto le dimensioni di un vero 'scandalo' che minaccia la vita e la dignità di tante persone. Ogni giorno dobbiamo confrontarci con questa ingiustizia, mi permetto di più, con questo peccato, in un mondo ricco di risorse alimentari, grazie anche agli enormi progressi tecnologici, troppi sono coloro che non hanno il necessario per sopravvivere”.

Per dare un aiuto concreto è anche possible diventare volontario. Sul sito del Banco Alimentare è possibile registrarsi in pochi minuti e partecipare a quella che è una vera e propria gara della solidarietà.




caricamento in corso...
caricamento in corso...