Da Torino a Lecce con le ciclovie turistiche: in bici "per lo sviluppo sostenibile"

28 luglio 2016 ore 17:04, Americo Mascarucci
Nasce il sistema delle ciclovie turistiche nazionali. 
Il ministro dei Trasporti Graziano Delrio, il ministro dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini e i rappresentanti delle Regioni coinvolte hanno firmato tre protocolli d'intesa per la progettazione e la realizzazione di infrastrutture, previste dalla Stabilità 2016, sulle quali sarà ammesso solo il trasporto non motorizzato. 
L'obiettivo è quello di promuovere una mobilità sostenibile e la salvaguardia dell'ambiente. 
I tre i protocolli d’intesa riguardano la progettazione e la realizzazione di:
Ciclovia Ven-To da Venezia (VE) a Torino (TO), siglato tra Mit, Mibact e  Regioni Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte; attraversa 4 regioni, 12 province, oltre 120 comuni e 242 località e paesaggi culturali, incrociando lungo il proprio percorso una varietà di bellezze artistiche, monumentali, ambientali e naturali, luoghi di storia, cultura e di produzione lungo il corso del Po.
Ciclovia del Sole da Verona (VR) a Firenze (FI) siglato tra Mit, Mibact e Regioni Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana; della lunghezza di circa 300 chilometri , fa parte del più ampio progetto della Ciclopista del Sole, ideato dalla Fiab per coprire 3 mila chilometri, parte integrante di Eurovelo 7.
Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese da Caposele (AV) a Santa Maria di Leuca (LE), siglato tra Mit, Mibact e Regioni Campania, Basilicata e Puglia. Si tratta di circa 500 chilometri attraverso 3 regioni. Il tracciato è stato già individuato all'interno del progetto di cooperazione internazionale di cui è capofila la Regione Puglia e la ciclovia dell’Acquedotto, d’intesa con la Fiab, titolare del marchio Bicitalia, è diventata variante pugliese dell’itinerario n. 11 (“Ciclovia degli Appennini”) della rete ciclabile Bicitalia.
91 milioni gli euro investiti in tre anni nella Legge di Stabilità per la realizzazione delle infrastrutture.

"Per la prima volta si riconosce alle ciclovie turistiche la valenza di infrastrutture - ha dichiarato Delrio - nell'ambito delle politiche di mobilità sostenibile e interconnessa". 
Da Torino a Lecce con le ciclovie turistiche: in bici 'per lo sviluppo sostenibile'
Il ministro ha poi fatto riferimento a una strategia più ampia per la ciclabilità, "che prevede una Rete ciclabile nazionale partendo dalle dorsali di Eurovelo, su cui si innestano reti regionali, intermodalità e ciclostazioni, e azioni per la ciclabilità urbana e la sicurezza".
 "Questa è una giornata davvero importante - ha aggiunto Franceschini -, la presentazione del sistema delle ciclovie turistiche nazionali è un fatto concreto che il Governo realizza in attuazione della legge di Stabilità del 2016. Nei prossimi anni l'Italia dovrà governare la crescita dei flussi turistici e il sistema delle ciclovie rappresenta uno strumento fondamentale per sviluppare quel modello di sviluppo sostenibile e diffuso che vogliamo per il nostro Paese".

caricamento in corso...
caricamento in corso...