"Festa dei Musei" il 2 e 3 luglio, dove andare e cosa vedere: tutte le info

29 giugno 2016 ore 18:20, Micaela Del Monte
 La prima edizione della "Festa dei Musei" si terra questo fine settimana, ovvero sabato e domenica 2 e 3 luglio. In questi due giorni parteciperanno i principali musei statali e tutte le realtà museali pubbliche e private. Al centro di questa inedita due giorni ci sarà il tema del rapporto tra musei e paesaggi culturali, argomento individuato dall'Icom per il congresso di Milano. 

Sabato 2 luglio sarà prevista nei musei una giornata dedicata agli eventi e un'apertura straordinaria serale al costo simbolico di 1 euro, mentre domenica 3 luglio l'ingresso sarà gratuito come ormai è consuetudine ogni prima domenica del mese. "Il prossimo 2 e 3 luglio - afferma il ministro Dario Franceschini - sarà un week end di festa per i musei e per la cultura, una maratona lunga due giorni durante i quali le famiglie potranno continuare a scoprire l'immenso patrimonio culturale italiano. Con la Festa dei Musei si raddoppia l'occasione di visita dei luoghi statali della cultura, grazie anche all'opportunità di potere assistere alle innumerevoli iniziative e eventi".

'Festa dei Musei' il 2 e 3 luglio, dove andare e cosa vedere: tutte le info
A Roma in occasione dell’evento, alla cui realizzazione hanno preso parte non solo i principali musei statali, ma anche tutte le realtà pubbliche e private aderenti, nella giornata di sabato 2 luglio è prevista un’apertura straordinaria serale di poli culturali del calibro del Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, del Museo Nazionale di Palazzo Venezia e Museo Nazionale Romano al costo simbolico di 1 euro. Uno degli aspetti peculiari dell’iniziativa, oltre l’indirizzo tematico comune, consiste nella programmazione di eventi per fasce orarie destinate a precisi target di pubblico: la mattina di sabato vede come protagoniste le famiglie con bambini al seguito (9.00-14.00: Il Patrimonio per i bambini), curiosi e appassionati nel pomeriggio (14.00-19.00: Il racconto del Patrimonio, Largo all’esperto, Dietro il Patrimonio) e, infine, il grande pubblico la sera, con eventi aperti al concorso di tutte le arti (19.00-24.00: Lo spettacolo della cultura).

A tutte le categorie possibili di pubblico è invece integralmente dedicata la giornata di domenica (Il Patrimonio per/di tutti), con eventi incentrati sul tema della partecipazione al Patrimonio e largo spazio riservato a tutte quelle associazioni di cittadini e volontari che concorrono quotidianamente alla “vita” e alle “attività” di musei e luoghi della cultura.

Una tematica, quest’ultima, prescelta per dare maggiore risalto a quei valori promossi dalla Comunità Europea per tramite della Convenzione di Faro del 2005, un testo in attesa di ratifica da parte del nostro Parlamento che, tra le sue definizioni cardine, prevede concetti come quelli di “eredità culturale” e “comunità di eredità” che pongono finalmente l’attenzione sul valori anche immateriali del nostro Patrimonio e sul concorso dei cittadini alla sua valorizzazione, come espressione più alta dei principi di eguaglianza.

Questo il programma completo dell'iniziativa.
caricamento in corso...
caricamento in corso...