Il Reatino sfida Roma, è la "guerra" dell'acqua: sindaci contro il "niet" della Raggi

30 luglio 2016 ore 11:32, Lucia Bigozzi
Rieti contro Roma. È “guerra” dell’acqua? Forse non siamo proprio a tanto ma basta poco per oltrepassare il limite. Devono aver pensato questo i sindaci del Reatino che si preparano a contestare la sindaca a 5Stelle della Capitale Virginia Raggi. Non solo a parole ma coi fatti: c’è già una data a una manifestazione che dà il segno e il senso della protesta. Il 5 agosto (ore 10) presso le sorgenti del Peschiera-Le Capore è calendarizzata l’iniziativa proprio mentre si riunisce la conferenza degli 81 sindaci di Ato3. Si tratta di una manifestazione popolare per rivendicare l'attuazione della delibera regionale, che stabilisce un ristoro per lo sfruttamento da parte della capitale delle stesse sorgenti. Delibera bloccata perché la sindaca di Roma Raggi ha deciso di impugnarla davanti al Tar, insieme ad Acea. 

Il Reatino sfida Roma, è la 'guerra' dell'acqua: sindaci contro il 'niet' della Raggi
In sostanza nella delibera regionale veniva stabilito un meccanismo che rendeva più agevole ottenere il ristoro e la cifra in ballo era pari a 36 milioni di lire.
Ma per l'Ato romano si tratta di un provvedimento "illegittimo e lesivo degli interessi della collettività", dal momento che per "risarcire" i cittadini reatini di componenti di costo come ad esempio i "costi ambientali" e della risorsa acqua, presupporrebbero "un aumento delle tariffe" da parte dello stesso Ato romano pari al 2 per cento sull'attuale tariffa. Insomma, per risarcire i reatini, i romani dovrebbero pagare più cara l'acqua. 

I sindaci dei Comuni del Reatino non ci stanno e con loro il presidente della Provincia Giuseppe Rinaldi, oltre al primo cittadino di Rieti Simone Petrangeli, che non usano giri di parole: “La nostra dignità non può essere calpestata. Per questo chiediamo il rispetto di un principio sancito dalla legge e che risponde al principio più ampio della solidarietà tra territori. Tutta la comunità provinciale e dei Comuni della sabina romana coinvolti è invitata a partecipare”. Questo l’appello di chi protesta. Come se la caverà la sindaca Raggi: per lei è un debutto anche sul versante contestazioni. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...