Montecenisio choc, precipita ultraleggero. 4 feriti, uno è incastrato

31 luglio 2017 ore 17:07, intelligo
 Il velivolo è precipitato sul Moncenisio, vicino alla diga, al confine tra l'Italia e la Francia. I quattro feriti - secondo quanto si apprende - sono tutti cittadini francesi. Due di loro, i più gravi, sono stati trasferiti, in codice rosso, in un ospedale della Francia. Un altro, al momento, è medicato sul posto mentre il quarto è ancora incastrato nel velivolo.
 Al momento, non si esclude che ci fosse un quinto passeggero. Secondo informazioni più tardi pervenute non si tratterebbe di un ultraleggero perché non possono avere più di 2 posti totali a bordo. 

Montecenisio choc, precipita ultraleggero. 4 feriti, uno è incastrato
ALTRA LEGGERI: QUALI SONO E PERICOLI

Sempre di più nel fine settimana si sta registrando una vera e propria strage. Sempre più aumenta la stima di incidenti, avvenuti uno dietro l’altro e che gettano ombre sulla natura dozzinale e commerciale di questo tipo di aereo ultraleggero. In Italia la flotta di aeromobili di Aviazione Generale è di circa 800 velivoli, mentre gli ultraleggeri sono circa 12000. Rientrano nella categoria degli ultraleggeri, il deltaplano ed il parapendio e i velivoli a motore, del tipo Acrobatico, Anfibio, Biplano, Idrovolante, Multi-assi e Replica. Il volo ultraleggero è caratterizzato dalla grande libertà che viene lasciata a chi lo pratica e che lo svincola da molte di quelle pratiche burocratiche, infatti non ci sono piani di volo da compilare e orari o autorità a cui obbedire. I velivoli sono gestiti direttamente dai loro proprietari che ne curano anche la manutenzione. Si può volare quasi dappertutto e, per atterrare, basta un bel prato e serve il consenso  del proprietario dell’area di atterraggio.



autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...