Bonino choc: "Italia ha chiesto sbarchi". Minniti chiederà di rivedere piani

06 luglio 2017 ore 14:15, Luca Lippi
Gravissima l'affermazione di Emma Bonino per l'opposizione in Parlamento che attacca Renzi ora, ma anche per il web che sta polemizzando con critiche e riflessioni sugli accordi indicibili stipulati fra Italia e UE. L'ex ministro degli Esteri con il governo Letta ha dichiarato che l'Italia decise sostanzialmente di prendersi in carico, volontariamente, tutti gli sbarchi dei migranti. 
E dove sarebbe stato lo scambio? La flessibilità più volte concessa ai nostri governi sui conti pubblici. Chiaro che la tesi è complottista e ha poco o nulla di realistico. La Bonino comunque aveva spiegato: “All’inizio non ci siamo resi conto che era un problema strutturale e non di una sola estate. E ci siamo fatti male da soli. Siamo stati noi a chiedere che gli sbarchi avvenissero tutti in Italia, anche violando Dublino”.
Insomma una scelta scellerata che però racconta il rapporto di interessi tra Europa e Italia, tra Sud e Nord Europa sempre a dettare condizioni e a tenere il cane per il guinzaglio? 
Ma ricordiamo che Emma Bonino è un ex commissario europeo nonché l’ex-ministro degli esteri del governo PD di Enrico Letta: difficile ipotizzare che quando parla di accordi con Paesi esteri o con l’Europa non sappia quel che dice.
Quanto a Mare Nostrum lo scenario è presto che svelato:Poi non l’abbiamo voluta più perché troppo cara, costava 9 milioni al mese. Poi è intervenuta l’Ue prima con Triton e poi con l’operazione Sophia.” Continua dicendo che disfarsi di tale accordo è decisamente complesso, del resto, dice, abbiamo sottovalutato la situazione.
Alla fine l'ex ministro degli esteri ha voluto precisare che “quando ci si occupa di un tema è bene non farlo in modo approssimativo, perché i piani operativi che riguardano sia Triton che Sophia prevedono esattamente che il coordinamento di tutti gli sbarchi è deciso dal centro di Roma e che devono avvenire in Italia. Questo non è un segreto di Stato, salvo che quando ci si occupa di un tema in modo approssimativo non si guardano i documenti, ma questo è esattamente quello che è successo”. Emma Bonino a Radio Radicale ha proseguito concludendo: “Tanto è vero che il ministro Minniti chiederà di rivedere i piani operativi, in particolare quello che riguarda Sophia, che stabilisce che il coordinamento di tutti gli sbarchi è fatto dal centro di Roma e che gli sbarchi debbono avvenire in Italia, facendosi responsabile anche della zona di search and rescue non solo quella di competenza dell’Italia, ma anche quella decisa e stabilita da Malta. Francamente non c’è alcun accordo indicibile”. 

#bonino #marenostrum #


#EmmaBonino #Confessione #sbarchi #Italia #verità
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...