Foibe. Prof. Zecchi: "La mia storia e mia nonna. Revocare il titolo di cav. di Gran Croce a Tito? Hanno paura"

10 febbraio 2015 ore 13:55, intelligo
di Micaela Del Monte del 10 febbraio 2014
Foibe. Prof. Zecchi: 'La mia storia e mia nonna. Revocare il titolo di cav. di Gran Croce a Tito? Hanno paura'
Oggi è la giornata del ricordo delle foibe. 
A tal proposito abbiamo contattato il professore Stefano Zecchi, ordinario di Estetica all’Università degli Studi di Milano e autore del libro sull'argomento "Quando ci batteva forte il cuore", che racconta in maniera romanzata la storia della sua famiglia, originaria delle zone dove si consumarono le stragi di migliaia di italiani. Nel suo libro racconta quel periodo di grande ferocia. Di cosa si tratta? «Il libro racconta della storia di una famiglia che si trova a Pola nel momento in cui sta per essere assegnata alla Jugoslavia. Le vicende sono viste attraverso gli occhi di un bambino di 6/7 anni, figlio di una servente irredentista e di un uomo appena tornato dalla guerra che non ha più voglia di pensare alla lotta. Ma è proprio lui che finisce poi per portare in salvo da Pola il bambino verso Venezia». Le sue origini e soprattutto la "nonna asburgica", come la chiama lei, quanto hanno influenzato la stesura del suo romanzo? «Mia nonna era triestina e ciò che racconto nella seconda parte del libro è proprio quello che ho vissuto in prima persona quando ero più piccolo. È un riferimento mediato proprio dei racconti che faceva mia nonna». Cosa pensa del fatto che al maresciallo Tito non sia stata ancora revocata la carica di Cavaliere di Gran Croce?  «Sono quelle vicende storiche che da un lato esprimono la miopia di come a quel tempo non si voleva sapere né vedere quello che si faceva e chi lo faceva. Oggi forse c'è una timidezza di fronte alla possibilità di una revoca e di una revisione perché si ha paura di scomodare qualcuno. Si passa così da un'ignoranza dei fatti a una vera e propria omissione di ciò che ha significato una vicenda storica».
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...