Toglietemi tutto ma non il mio smartphone

10 gennaio 2015 ore 10:35, Giuseppe Tetto
Smartphone da passione a ossessione. Si può sintetizzare così il rapporto maniacale che la maggior parte degli esseri umani, digitalmente evoluti, ha instaurato con i propri cellulari. Un relazione morbosa che provoca ansia nel momento in cui ci si separa dall’amato telefonino. Il tutto condito da calo di attenzione e una serie di effetti psicologici e cognitivi. A dirlo è una ricerca condotta all'Università del Missouri-Columbia sui proprietari di iPhone, che ha dimostrato come la separazione forzata dal cellulare può avere gravi effetti psicologici e fisiologici. smartphone-fa-male-540x250 In base a questi risultati i ricercatori affermano che gli utenti dovrebbero evitare le tanto fastidiose separazioni dai loro smartphone durante situazioni che richiedono grande attenzione come test, riunioni, conferenze o il completamento di importanti incarichi di lavoro. Questo perché la cosa potrebbe causare un deterioramento cognitivo e influire sulle performance. "I nostri risultati suggeriscono che la separazione dall’iPhone può avere un impatto negativo sulle prestazioni in una serie di compiti mentali", dice Russell Clayton, autore principale dello studio. "Inoltre emerge che gli iPhone sono in grado di diventare una sorta di prolungamento di noi stessi: quando ne veniamo separati, sperimentiamo una diminuzione del sé e uno stato fisiologico negativo".  Aumento della frequenza cardiaca e i livelli di pressione arteriosa, uniti a sentimenti di ansia e fastidio, per il team di scienziati tutto questo sarebbe provocato dall’impossibilità di rispondere a chiamate e messaggi mentre i proprietari di iPhone risolvono semplici test sulle parole, la loro sono aumentati, così come i sentimenti di ansia e fastidio. Inoltre, le loro prestazioni sono ridotte rispetto a quando l’amato dispositivo è a portata di mano. Inoltre, le loro prestazioni sono ridotte rispetto a quando l'amato dispositivo è a portata di mano. Per il loro lavoro, i ricercatori hanno coinvolto una serie di studenti universitari, spiegando che lo scopo dell'esperimento era quello di testare l'affidabilità di un nuovo bracciale wireless per la rilevazione della pressione sanguigna. Mentre i partecipanti completavano i loro test con puzzle di parole - con o senza iPhone, ufficialmente per evitare interferenze con il bracciale - i ricercatori ne monitoravano battito cardiaco e pressione. Oltre al numero di riposte esatte. Tutti hanno poi riferito i loro livelli di ansia e di fastidio mentre eseguivano il test. Da qui la diagnosi: essere separati dallo smartphone provoca stress, fastidio e un peggioramento nelle performance cognitive.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...