Lombardi (M5S): “Politici a casa, l’Expo va chiuso. Silvio in Parlamento? Tra sei anni sarà quasi novantenne…”

12 maggio 2014 ore 12:59, Lucia Bigozzi
Lombardi (M5S): “Politici a casa, l’Expo va chiuso. Silvio in Parlamento? Tra sei anni sarà quasi novantenne…”
Roberta Lombardi
, parlamentare a 5Stelle, piccona Renzi e l’idea della task force, ma nell’intervista a Intelligonews non è più tenera con Berlusconi, Schultz e il Pd…
Caso Expo: c’è bisogno di una task force come dice Renzi per salvare l’evento internazionale? «C’è bisogno che questi politici, di destra, sinistra e centro se ne vadano a casa e ad amministrare vadano persone perbene. Adesso si tira fuori l’ennesima storia del commissario, la task force… strano che ancora non abbiamo parlato di cabina di regia. Noi, invece, abbiamo parlato di una Mani Pulite delle larghe intese». Non le sembra eccessivo? «Da almeno quattro anni denunciamo che sarebbe finita così perché i soggetti politici che ruotano attorno agli appalti alla fine sono sempre gli stessi. Adesso sono venuti a galla i primi ma altri ne seguiranno…». Il suo collega Di Battista propone di tirare giù la serranda dell’Expo. Condivide? Ma non è una resa dell’Italia di fronte al mondo? «L’Expo già di per sé è un concetto vecchio. Andava bene nell’Ottocento quando c’era la necessità di far incontrare popoli, culture, tradizioni per aumentare gli scambi tra le comunità. Nel 2014 con internet e gli scambi internazionali che sono quotidiani, ma  che senso ha? Lo dico con cognizione di causa perché prima di essere eletta in parlamento lavoravo in una società che esporta in tutto il mondo, quindi so bene come funziona. Non c’è bisogno di fare l’Expo, spendere queste cifre, a maggior ragione quando è la solita foglia di fico per nascondere le solite speculazioni edilizie dei palazzinari amici dei politici o il giro di appalti con le solite mazzette. Noi lo avevamo previsto, non perché siamo i geni della lampada ma perché abbiamo tratto insegnamento dalla storia. E la storia recente di Tangentopoli ci dice questo. E’ stata la stessa cosa per le grandi opere e la prossima sarà la Tav». Grillo ha detto che il Movimento sta dalla parte dei magistrati. Da questo punto di vista, fermo restando la vostra denuncia, non vi tranquillizza che a capo della task force ci sia Cantone, cioè un magistrato? «Noi contestiamo la logica dell’emergenza e il fatto che in mezzo ci siano sempre i politici». Berlusconi annuncia che tornerà in parlamento prima di sei anni. Voi avete votato la sua decadenza da senatore, che effetto le fa? «Dico solo che Berlusconi fra sei anni avrà quasi 90 anni…». Grillo attacca Schultz e lo definisce “kapo’”. Esattamente come aveva fatto qualche anno fa Berlusconi. Una coincidenza? «Mi colpisce molto di più che un candidato alla commissione europea come Schultz, sostenuto dal Pd, paragoni a Stalin il leader politico del Movimento che tra l’altro con lui non ha proprio niente a che fare. Questo continuo denigrare, delegittimare il Movimento, fa capire quanto facciano paura le nostre battaglie e il fatto che #vinciamonoi. Eppoi si mettessero d’accordo tra loro: un giorno siamo Stalin, un giorno Hitler, un giorno fascisti».
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...