La finanza sale in Carrozza: «Imparare l'economia fin da piccoli. David Copperfield docet»

12 novembre 2013 ore 15:58, intelligo
di Giuseppe Tetto
La finanza sale in Carrozza: «Imparare l'economia fin da piccoli. David Copperfield docet»
La crisi finanziaria, che da oltre 5 anni viviamo sulla nostra pelle, non è solo una questione di numeri: è soprattutto un problema di  cultura.
Deregolamentazione, finanza creativa, flessibilità spregiudicata sono mali che derivano da un'evoluzione dell’economia deviata, dove i giovani economisti di ieri, cresciuti con una visione del mercato spregiudicatamente reganiana, sono diventati i guru malsani di oggi, al soldo di governi e corporazioni, che tutto hanno in mente tranne che il bene del cittadino. E allora perché non cambiare questa visione delle cose fin dalla base? Perché non introdurre nelle scuole le prime nozioni di una sana e giusta finanza, per rendere più consapevoli le generazioni del futuro? È questa la soluzione che il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza ha snocciolato dalle pagine de “La Stampa”, rispondendo all’allarme lanciato dall’economista, Mario Deaglio su un analfabetismo finanziario dilagante. «Bisogna fare in modo - ha detto Carrozza - di inserire l’economia e la finanza nei programmi nazionali. Penso anche che la “Settimana della cultura scientifica e tecnologica”, che ogni anno si organizza nelle scuole e nelle università, non debba affrontare solo temi teorici ma vada declinata invece su più ambiti. E quindi vorrei al suo interno la “Settimana dell’Economia”, o quella sulla gestione dei rifiuti per uscire dalla formazione teorica e inserire le nozioni nella vita di tutti i giorni». Il ministro chiarisce che non servono nuove materie, ma un approfondimento pratico: «Più che caricare gli studenti e i professori con una nuova materia di studio – ha spiegato - penso che sia efficace agire attraverso idee e progetti trasversali. E potenziando gli insegnamenti tradizionali applicandoli a concetti di economia. Mi piacerebbe che per capire il capitalismo, si leggesse Dickens: le pagine di "David Copperfield" sono molto più chiare di tanti trattati in materia. Oppure per capire il concetto di Pil vorrei che lo si affrontasse durante le lezioni di matematica».
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...