Renzi-One: ecco i nomi di Matteo e quelli di Napolitano. La Civetta lo sa in anteprima...

14 febbraio 2014 ore 16:07, intelligo
Renzi-One: ecco i nomi di Matteo e quelli di Napolitano. La Civetta lo sa in anteprima...
Ministri con gli scatoloni e ministri con la ventiquattrore. Chi entra e chi esce da Palazzo Chigi? La Civetta lo sa in anteprima…
Solito valzer di poltrone, tango col casquet sulle caselle s-svuotate da riempire nel giorno in cui Napolitano avvia quelle che si annunciano come consultazioni-lampo. Il rituale giro al Colle, il capo dello Stato lo vuole chiudere entro domani per poi consegnare le chiavi del governo a Renzi, probabilmente lunedì. Tutto in sprint, come in ogni buona staffetta che si rispetti (solo che stavolta per Letta ha deciso il suo partito). Così come in queste ore sta facendo in riva d’Arno Matteo Renzi che per la verità alla lista dei ministri ci sta lavorando da alcuni giorni. Tra new entry e conferme ecco un pezzo della squadra del premier col “vento in faccia”. INTERNO: la poltrona più alta del Viminale se la giocano Dario Franceschini e Angelino Alfano. Due conferme nella versione Letta, il primo ai Rapporti col parlamento, il secondo vicepremier e ministro dell’Interno. Se Alfano dovesse spuntarla per il dicastero più delicato,dovrà lasciare lacerà la poltrona di vicepremier. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: il nome che viene dato già per sicuro è quello del ministro renziano del governo Letta Graziano Del Rio. Una conferma anche in questo caso, seppure scontata visto che si tratta di uno dei più stretti e ascoltati uomini del sindaco d’Italia. DIFESA: derby tutto al femminile per il ministero che Mario Mauro (Popolari per l’Italia) lascerà nelle prossime ore. In lizza ci sono l’attuale sottosegretario Roberta Pinotti e Federica Mogherini, una delle quarantenni chiamate da Renzi nella segreteria del Nazareno, nonché presidente della delegazione italiana all’assemblea parlamentare della Nato. Sfida interessante perché entrambe sono e si dichiarano ‘renzianissime’. RIFORME: staffetta sicura tra l’uscente Gaetano Quagliariello (destinato ai piani alti del partito di Alfano) e l’entrante Maria Elena Boschi, di stretta osservanza renziana nonché first lady della Leopolda al dicastero che dovrà #cambiareverso all’impianto istituzionale e costituzionale. CASELLE IN QUOTA COLLE. Gli spifferi di Intelligonews segnalano due nomi che sarebbero ‘graditi’ al Colle. Anche qui due conferme: Emma Bonino ed Enzo Moavero, eminenza grigia in Europa prima di Monti, poi di Letta e ora di Renzi. Una personalità autorevole e una casella strategica soprattutto in vista del semestre europeo guidato dall’Italia. SOTTOSEGRETARI. Qualcosa si muove anche nelle seconde file governative: per Enrico Costa, attuale capogruppo del Nuovo Centrodestra alla Camera potrebbe aprirsi la porta di una nomina a sottosegretario, in cambio di quella di presidente dei deputati di Ncd che potrebbe passare a Nunzia De Girolamo, ex ministro alfaniano all’Agricoltura. Fin qui le poltrone pressochè sicure, ma non è escluso che Renzi tenti un allargamento del perimetro dell’attuale maggioranza per navigare un po’ più sereno verso il traguardo del 2018.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...