Botticelle, Pronio (Feder F.I.D.A.): "Roma dice basta con un corteo. Marino, Chiediamo i cavalli-robot!"

14 novembre 2014 ore 10:51, Orietta Giorgio
Botticelle, Pronio (Feder F.I.D.A.): 'Roma dice basta con un corteo. Marino, Chiediamo i cavalli-robot!'
Roma dice basta, basta al degrado e alle botticelle. Domani alle ore 10,30 un corteo di cittadini partirà da Piazza dell’Esquilino per arrivare a Piazza Venezia. Non si tratta di un evento politico, “è solo Roma che dice basta, il tutto si svolgerà nel pieno rispetto, sia delle regole, che nei confronti di chi ci ospita” l’intento è, anche, manifestare l’indignazione contro la tradizione" delle botticelle. Intelligonews ha raccolto il commento di Loredana Pronio, Presidente della Feder F.I.D.A. Onlus (Federazione Italiana Diritti Animali) presente alla manifestazione di domani. I cittadini romani dicono basta alle botticelle, perché? «Noi le botticelle le combattiamo da sempre... diciamo che "ho un conto aperto" con i botticellari. Ideologicamente, non solo come animalista, ma come persona civile, credo che questa debba essere una battaglia di tutti i romani, non solo dei romani che amano gli animali. I cavalli sono costretti ad un lavoro "innaturale" per loro, in una città come Roma, già invivibile per chi sta in macchina, figuriamoci per un cavallo che la deve attraversare con un peso qual è la botticella. Dopo l’ultimo fatto accaduto, circa un paio di settimane fa, dell’ennesimo cavallo stramazzato a terra, stanco, dicono che sia caduto a causa di una macchia di olio, ma non si può fare finta di nulla, e a maggior ragione, se è caduto su di una macchia d’olio, ribadisco che un cavallo non può stare in una città come Roma, piena di buche e piena di macchie d’olio». Domani al corteo della manifestazione "Rivogliamo la nostra città" i cittadini delle periferie di Roma si riuniscono per dire basta a degrado e criminalità, voi avrete il vostro spazio... «Sì, la Feder F.I.D.A. è stata invitata da Franco Pirina, il coordinatore dei comitati di quartiere di Roma. Sarà una manifestazione grandiosa, saremo presenti in 10.000. Lui ha voluto dare a noi cittadini romani con una sensibilità rivolta agli animali, uno spazio per manifestare contro una delle cose più brutte che Roma ancora mantiene. Nello striscione abbiamo messo una frase che evoca un personaggio meraviglioso che è Alberto Sordi e il suo film Nestore: “A Nestore fatte l’ultima corsa e portace via Marino”. Questo è il messaggio, pacifico e un appello chiaro. Noi non siamo intenzionati a creare nessun tipo di problema con le forze dell’ordine, bisogna far fare una bella figura agli animalisti e non è certo con certi atteggiamenti che si può fare bella figura. Noi manifestiamo anche per dire la nostra a Marino, un sindaco che doveva rispettare quanto detto nel suo programma elettorale». Quale soluzione ci sarebbe? «Il Comune di Roma, già all’epoca di Alemanno, altro sindaco che non è che abbia fatto molto (perché qualsiasi amministrazione che ha amministrato Roma ha fatto orecchie da mercante sulle botticelle) aveva proposto le licenze dei taxi al posto delle botticelle, proposta rifiutata categoricamente. Evidentemente è molto più remunerativo prendere anche solo un turista al giorno piuttosto che correre con i taxi. In qualche parte del mondo hanno inventato un cavallo robot, se Marino vuole veramente investire dei soldi, potrebbe acquistare questi cavalli robotici, magari muniti di tassametro, tanto a falcata». Con tutti i problemi che i cittadini, romani e non, si trovano ad affrontare, il problema botticelle è davvero una priorità?  «Anche questo è un problema, ed è un problema di civiltà di un Paese. La sofferenza di quei cavalli che con la bava alla bocca, non ce la fanno più, e continuano a camminare, con le zampe storte, per poi cadere al suolo, non è sicuramente un'esempio di civiltà. Non è un problema più o meno importante degli altri, è un problema, e va risolto».
caricamento in corso...
caricamento in corso...