Allarme alluvione e altre emergenze: cosa fare in caso di animali in difficoltà

15 ottobre 2014 ore 12:47, Orietta Giorgio
Allarme alluvione e altre emergenze: cosa fare in caso di animali in difficoltà
Le alluvioni che stanno flagellando l’Italia coinvolgono, ovviamente, le persone, ma anche i loro animali. Il direttore sanitario del canile di Parma, Bruno Manuguerra, lancia un appello ai cittadini:Soccorrete cani e gatti, sono in condizioni critiche. Purtroppo siamo anche noi privi di collegamenti telefonici, completamente isolati. Per questo facciamo appello ai cittadini affinché chi recupera animali, particolarmente cani e gatti, in situazione di difficoltà, li porti direttamente alla nostra struttura , nel canile municipale in via Melvin Jones 19/A". Fondamentale, in questi casi, l’intervento dei volontari e delle associazioni animaliste. Sono le Guardie eco zoofile OIPA, a Genova, che stanno cercando di contribuire per verificare la presenza di animali in difficoltà, ricerche difficoltose a causa della totale inagibilità della rete stradale, in gran parte distrutta dalla piena dell’inondazione. Occorre comunque sapere alcune regole utili per salvare gli animale in difficoltà. 1) L’importante è mantenere la calma per non spaventare ulteriormente l’animale, una volta messo al sicuro, può essere utile portalo nei rifugi della città, è lì che il padrone, in caso fosse un animale smarrito, andrà a cercarlo. 2) Fondamentale controllare se l’animale ha il microchip in questo caso sarà semplicissimo restituirli al legittimo proprietario. Ricordiamo che l’applicazione del microchip è obbligatoria nel secondo mese di vita dell’animale ed è uno strumento prezioso: - permette di identificare i proprietari, prevenendo così i casi di abbandono. (l’abbandono del proprio cane è punibile dalla legge); - permette di identificare i cani smarriti e restituirli ai legittimi proprietari; - permette di combattere i furti o i rapimenti, il cane identificabile non è rivendibile. Tra le storie a lieto fine testimoniate dall'Enpa di Genova: salvata una cagnetta che vagava senza meta, avvicinata dal volontario dell'associazione, è stata soccorsa e affidata alla Croce Gialla. Su Facebook la foto della cagnetta che, sana e salva, ha potuto anche ritrovare il padrone.     Un altro salvataggio riguarda una coppia di caprioli, maschio e femmina, recuperati dalla guardia costiera nel tratto di mare di fronte il Polcevera. I caprioli, curati, sono stati poi liberati. Per contattare l'ENPA sezione di Genova: Tel. 010 553 1696 Fax. 010 553 1425 Email: genova@enpa.org  
caricamento in corso...
caricamento in corso...