Il Papa e i cattolici da salotto. Chi sono?

16 maggio 2013 ore 16:20, Marta Moriconi
Il Papa e i cattolici da salotto. Chi sono?
Papa Francesco durante la messa celebrata a Santa Marta, in Vaticano, per i dipendenti del Pontificio Consiglio “Giustizia e Pace” e di Radio Vaticana ha parlato così: «Ci sono i cristiani da salotto, no? Quelli educati, tutto bene, ma non sanno fare figli alla Chiesa con l’annunzio e il fervore apostolico».  Ma a chi si riferiva Papa Francesco? Vediamo un po’.
Si sarà sentita colpita Sant’Egidio, il movimento di laici, impegnato nell’Ecumenismo e nel dialogo, per la pace e per la solidarietà? No, loro sono a servizio dei poveri, la carità è la loro missione, e anche se rischiano di essere un po’ confusi con un’associazione di volontariato, no, non potranno mai considerarsi dei tiepidi, perché i tiepidi non si sporcano le mani come loro, addirittura impegnandosi in politica e politicamente schierandosi. Allora il Papa potrebbe essersi riferito all’Opus Dei, la Prelatura personale della Chiesa Cattolica. Ma se la sua missione consiste nell’affermare che il lavoro e le circostanze ordinarie sono occasione di incontro con Dio e di servizio nei confronti degli altri, per il miglioramento della società, non possono essere tacciati proprio di “borghesia” , tanto meno i loro mezzi di formazione cristiana (le lezioni, i ritiri, l’assistenza medica, sacerdotale etc… ). Ottantacinquemila membri dell’Opus Dei che se nei salotti ci vanno, ci vanno per formare e trasformare i salottieri in buoni cattolici. E che dire di Comunione e Liberazione del grande don Luigi Giussani (1922-2005) che si offre, come disse Papa Benedetto XVI, come “una possibilità di vivere in modo profondo e attualizzato la fede cristiana, da una parte con una totale fedeltà e comunione con il Successore di Pietro e con i Pastori che assicurano il governo della Chiesa; dall’altra, con una spontaneità e una libertà che permettono nuove e profetiche realizzazioni apostoliche e missionarie (Udienza con CL, 24 marzo 2007)”. Per questo i suoi membri ricoprono ruoli istituzionali importanti e per questo tanti imprenditori sono impegnati a dargli man forte. Insomma le missioni di queste “anime” della Chiesa Cattolica non sono tiepide, tantomeno borghesucce, e si fondano su cose buone e giuste. Quanto agli uomini si sa, ognuno se la vede e vedrà con la sua coscienza. Papa Francesco ci ha avvertito tutti.
caricamento in corso...
caricamento in corso...