Borsino Quirinale: Anna Maria Cancellieri, la Thatcher della Repubblica?

19 aprile 2013 ore 10:50, intelligo
di Aldo Di Lello
Borsino Quirinale: Anna Maria Cancellieri, la Thatcher della Repubblica?
Quando, nel 2011, le proposero di candidarsi a sindaco nelle elezioni comunali di Bologna, Anna Maria Cancellieri declinò cortesemente l'invito affermando che non aveva tempo per la politica perché doveva dedicarsi a fare la nonna. I bolognesi avevano avuto modo nel mesi precedenti di apprezzare l'energia, il rigore e la capacità amministrativa di Anna Maria come commissario prefettizio, in virtù soprattutto dell'opera di risanamento del bilancio che aveva avviato contemporaneamente allo sblocco di importanti opere pubbliche. A colpire tutti fu soprattutto l'equidistanza tra i partiti dimostrata durante il suo incarico. Da allora si è imposta con uno spiccato profilo bipartisan che le ha permesso di conquistare la stima della destra, del centro e della sinistra. Il fatto è che Anna Maria è la donna delle situazioni difficili. Ha passato quarant'anni al ministero dell'Interno, metà dei quali, dal 1993, come prefetto, ricoprendo gli incarichi più delicati e sbrogliando le situazioni più complesse. Queste doti le ha confermate come ministro . Prova ne sia, tre le altre, l'energia con cui ha affrontato il caso Aldrovandi, sfidando senza tentennamenti le pulsioni più "corporative" presenti all'interno dell'apparato di polizia. Come possibile Presidente della Repubblica, si parla di lei fin dal gennaio scorso. Anche in questo caso ha respinto , da subito, ogni lusinga affermando che deve dedicarsi ai suoi quattro nipotini. Chissà cosa direbbe nell'ipotesi in cui i grandi elettori dovessero effettivamente designarla Capo dello Stato. Dovremmo forse riscrivere il famoso aforisma di Leo Longanesi, il quale scrisse nel 1948 che l'Italia era stata salvata dalle "zie". Oggi, nel secondo decennio del XXI secolo, diremmo che il Belpaese potrà essere salvato dalle nonne. Il motto di una Cancellieri presidente sarebbe probabilmente "Stato e Famiglia", cioè gli architravi dell'Italia (a parte ovviamente la Chiesa) che resistono, seppur faticosamente, alle intemperie della storia.    

 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...