La Kirchner è peronista o no?

19 marzo 2013 ore 14:04, intelligo
La Kirchner è peronista o no?
Che non possieda stile non è certo una novità. La presidente argentina Cristina Kirchner ha saputo far parlare male di sé anche in occasione della visita a Papa Francesco. I rapporti fra lei e Bergoglio non sono stati mai idilliaci. L’arcivescovo di Buenos Aires non ha mancato di far sentire, forte e chiara, la sua voce contro i provvedimenti della presidente argentina improntati alla difesa ad oltranza dei diritti civili e ad un laicismo che in Italia definiremmo radicale (con esplicito riferimento al partito di Marco Panella).
Lei del resto ha sempre trattato con sufficienza, per non dire con indifferenza, il massimo rappresentante della Chiesa argentina, considerato alla stregua di un ospite tollerato ma fortemente sgradito, e come tale da contrastare sul piano politico. Cristina Kirchner ora pretende che il Papa, in virtù del suo essere argentino, interceda presso l’Inghilterra per convincerla a cedere le isole Falkland, nonostante il recente referendum abbia di fatto sancito la volontà degli abitanti di restare sudditi di Elisabetta. E’ vero che Bergoglio in passato ha rivendicato il possesso di quei territori all’Argentina ma che cosa avrebbe dovuto fare un argentino chiamato a ricoprire il ruolo di primate nella sua terra d’origine? Adesso però Papa Francesco è il successore di Pietro, il capo della Chiesa Cattolica, il Vicario di Cristo in terra ed è impensabile che possa aprire un contenzioso fra la Santa Sede e l’Inghilterra per soddisfare un interesse sicuramente legittimo ma puramente localistico che nulla ha a che vedere con la sua missione di capo della Chiesa. Per questo la richiesta della Kirchner, oltre che inopportuna è apparsa oltremodo offensiva nei confronti del Papa.? Nel disperato tentativo di imitare Eva Peron, la Kirchner ha demolito il peronismo, trasformandolo in una brutta fotocopia del socialismo di Chavez. Mentre Evita ha incarnato i migliori valori della destra sociale, dimostrando che si possono tutelare i diritti degli operai, dei contadini, delle classi povere anche senza dover necessariamente abbracciare il marxismo di Che Guevara, la Kirchner al contrario ha tentato maldestramente di coniugare peronismo e guevarismo dimenticando che il modello di governo cui Peron si ispirava era il fascismo sociale di Benito Mussolini, non certo il socialismo sovietico. Scopiazzando il socialismo di Chavez, Cristina non ne ha colto gli aspetti cristiani tanto cari al leader venezuelano e ha imbevuto il suo peronismo socialista di laicismo. Chissà che ora, per puro opportunismo non certo per coerenza ideale, avendo un Papa argentino anche lei non riscopra di essere cristiana?
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...