Lega di Roma alle porte, Iannone (CasaPound) avverte: "Dalla parte di tutti i romani contro questa tratta degli schiavi"

20 novembre 2014 ore 16:45, Marta Moriconi
casapound1.jpg_4153688771-300x158Su Libero è appena uscita qualche indiscrezione sulla declinazione futura dell'onda "di successo mediatico di Matteo Salvini". Sarebbe infatti sui blocchi di partenza il progetto 'Lega di Roma'. Luogo e data sono ancora da definire (ma si parla di un'accelerazione) ma Mario Borghezio ci sarà e anche Simone Di Stefano, il vicepresidente di CasaPound Italia che alle ultime europee ha sostenuto proprio l'europarlamentare leghista. Del progetto, riferisce Libero, farebbe parte anche Alberto Arrighi, un passato nel Fronte della Gioventù, ma non solo ( la Destra, Fli e Patriae sarebbero nel suo curriculum secondo il quotidiano diretto da Belpietro). Abbiamo intercettato Gianluca Iannone, presidente di CasaPound Italia, a cui abbiamo strappato una dichiarazione circa queste indiscrezioni. E' vero che mancherebbe solo la data e il luogo per la partenza del progetto Lega di Roma e che sarebbe questione di giorni?  "E qualcosa in divenire. Non confermo né smentisco. Aspettiamo le prossime ore e poi saremo più precisi tutti quanti". iannoneQuando sarà sarà, ma a livello territoriale sarete capillarmente distribuiti?  "Certo, certo! Ci sarà una presenza sul territorio più efficiente, e sarà dalla parte della gente e del popolo di Roma. La periferia come tutta la popolazione romana e italiana ormai sono trattate in secondo piano e questo perché viene agevolata questa tratta degli schiavi che tanto piace ai soliti noti". Sarete più presenti nelle periferie, dunque? "Dove ci sarà bisogno noi saremo presenti. Ovunque".
caricamento in corso...
caricamento in corso...