2) Bersani non ce la fa: «Larghe intese»

26 febbraio 2013 ore 18:17, Fabio Torriero
2) Bersani non ce la fa: «Larghe intese»
Bersani, dunque, finalmente ha scoperto le sue carte (missiva diretta a Napolitano): “governo di scopo”, aperto a Grillo e a chi vorrà starci.
L’ha detto in una concitata conferenza stampa dove, da dimissionario in pectore (per l’accordo a tavolino con Renzi dopo le primarie che, alla luce dei risultati delle urne, ha subìto un’ovvia accelerazione), è apparso più stralunato, stanco e nervoso del solito. Pochi punti di possibile convergenza - come ampiamente anticipato da IntelligoNews - basati sulla moralizzazione della politica, la riduzione dei costi della politica, la riforma del sistema elettorale e alcune importanti riforme strutturali. Titoli (senza articoli) studiati apposta per agganciare il Movimento 5 stelle. Una palla che Bersani ha rimandato al mittente del Quirinale, che dovrà decidere sul mandato esplorativo. Peccato che si tratti di uno sforzo senza capo né coda. Primo, per il dna di Grillo che imporrà la logica del “volta per volta”, vincolando di fatto il governo-Bersani, rendendolo ostaggio delle sue pulsioni antisistema. Un esecutivo ad intermittenza sui singoli provvedimenti non è possibile. Secondo, per la chiusura preconcetta nei confronti di chi dovrà invece obbligatoriamente interloquire, dialogare col Pd, per assicurargli i numeri. E cioè Monti e Berlusconi (piaccia o non piaccia) resuscitato. E allora il presidente della Repubblica, come da nostri precisi spifferi, sarà obbligato a cambiare formula e a imporla a tutti: larghe intese e non minime intese, governissimo gradito al Colle, collegiale (una nuova maggioranza Berl-Bers-Monti) e gradito alla Ue. Con i nomi che abbiamo già ipotizzato: Amato, Passera, Draghi. Una cosa sembra comunque acclarata: sia Silvio sia Napolitano non vogliono, né possono andare di nuovo al voto. Silvio l’ha detto questa mattina (ormai pensa di dare le carte e forse aspira lui stesso al Quirinale). Napolitano in pieno semestre bianco, non può, per Costituzione, sciogliere anticipatamente le Camere. Vuoi vedere che per cause di forza maggiore il capo dello Stato, Berlusconi e Bersani saranno costretti a far coincidere le loro strategie? Volenti o nolenti?    
caricamento in corso...
caricamento in corso...