Le parole chiave del Papa contro la corruzione dei politici nel giorno dell'incontro con Obama

27 marzo 2014 ore 10:52, Marta Moriconi
Le parole chiave del Papa contro la corruzione dei politici nel giorno dell'incontro con Obama
Le parole chiave del Papa nel giorno in cui incontra il presidente degli Usa Obama. Una coincidenza? Francesco le ha proferite all’omelia della Messa celebrata questa mattina presso l’altare della Cattedra in San Pietro, alla presenza di 493 parlamentari italiani, tuonando contro chi sottrae denaro al bene comune per i propri interessi. RILEGGIAMOLE «I peccatori pentiti sono perdonati. I corrotti no, perché rifiutano di aprirsi all’amore». «Al tempo di Gesù c’era una classe dirigente che si era allontanata dal popolo lo aveva abbandonato, incapace di altro se non di seguire la propria ideologia e di scivolare verso la corruzione». «Interessi di partito, lotte interne. Le energie di chi comandava ai tempi di Gesù erano per queste cose al punto che quando il Messia si palesa ai loro occhi non lo riconoscono, anzi lo accusano di essere un guaritore della schiera di Satana».
«La cecità da parte dei leader del popolo». Citando poi il profeta biblico Geremia, che ha dato voce al «lamento di Dio» verso una generazione ha detto: «Mi hanno voltato le spalle. Questo è il dolore del Signore, il dolore di Dio». Una realtà, ha continuato, «presente anche nel Vangelo del giorno, quella di una cecità nei riguardi di Dio soprattutto da parte dei leader del popolo».
caricamento in corso...
caricamento in corso...