Animalisti italiani Vs vivisezione. In campo per liberare le scimmie condannate a morte

29 gennaio 2015 ore 10:16, Orietta Giorgio
scimmiaL'Associazione Animalisti Italiani onlus scende in piazza venerdì 30 gennaio. L'intento è quello di salvare da morte certa le scimmie già sfruttate per la vivisezione. La manifestazione, autorizzata, avrà luogo dalle 10.30 davanti al Centro di Sperimentazione Enea/CNR di scimmie di Casaccia, località Cesano, a pochi chilometri da Roma. "Qualcuno sta pensando di uccidere le scimmie, dopo gli esperimenti subiti per anni e anni. Dobbiamo impedirlo". Questa la denuncia degli animalisti, la richiesta? Trasferire le scimmie in un centro di riabilitazione. Dall'Associazione spiegano: "Se è vero che le scimmie non vengono usate per gli esperimenti dal 2013, allora gli animali possono essere trasferiti in un Centro di Riabilitazione. Siamo in attesa di conoscere l'esito della visita ai laboratori da parte degli onorevoli Paolo Bernini e Mirko Busto, ai quali è stato impedito l'ingresso nei giorni scorsi: perché? Perché la nostra veterinaria è stata cacciata? Stiamo preparando una nuova Interrogazione Parlamentare. Noi non molliamo, gli animali devono essere liberi. Aspettiamo di sapere chi ha autorizzato gli esperimenti, per quanto tempo; se gli animali vengono ceduti ad altri Centri di Ricerca, anche dopo il 2014". Il Presidente Ass. Animalisti Italiani Onlus Walter Caporale e Pierpaolo Cirillo chiedono alla Direzione del Centro di poter accedere all’interno dello stabulario dove vivono i macachi. Le scimmie rischiano di essere uccise. Cosa intendete fare a riguardo? «Chiediamo di entrare nello stabulario con il nostro veterinario di fiducia, la dott.ssa Cristiana Graziani, accompagnata dagli Onorevoli Mirko Busto e Paolo Bernini, per poter verificare lo stato di salute, il numero, le specie presenti e le loro condizioni di vita sociale. Gli onorevoli Busto e Bernini, che ci accompagneranno venerdì, hanno presentato in Parlamento un’Interrogazione Parlamentare al riguardo al Ministro dell’Ambiente». Qual è la vostra proposta? «In Italia esistono diversi Centri di Recupero della Fauna Selvatica ed Esotica, presenti nelle località Sasso Marconi (Bo), Bernezzo (Cn), Semprognano (Gr), Poggio San Lorenzo (Ri) ed altri ancora, specializzati nel recupero e riadattamento delle scimmie e macachi, dove vivono secondo la loro natura in un habitat appositamente ricostruito per le loro esigenze. ?In riferimento alla testimonianza della dott.ssa Perretta secondo la quale dal 2013 non si effettuano più ricerche sugli animali presenti all’interno degli stabulari, e che non si prevedono più ricerche su di essi, chiediamo ufficialmente di poter provvedere alla loro idonea sistemazione nelle Oasi e Centri di Recupero presenti in Italia, organizzando personalmente il loro viaggio nei luoghi di destinazione». ? Cosa ne pensa della vivisezione? «E' antiscientifica, dannosa sia per gli uomini che per gli animali».
caricamento in corso...
caricamento in corso...