Le "primarie" di IntelligoNews: in testa Meloni e Salvini, affonda il Cav. E intanto Fini...

03 giugno 2014 ore 15:59, Adriano Scianca
Le 'primarie' di IntelligoNews: in testa Meloni e Salvini, affonda il Cav. E intanto Fini...
L'asse del centrodestra sembra definitivamente essersi spostato dal centro berlusconiano ai due fuochi rappresentati da Fratelli d'Italia e Lega. È questo il primo responso delle “primarie” del centrodestra organizzate sul sito di IntelligoNews a una settimana dalla messa on line. Secondo il sondaggio, la più amata dagli elettori di centrodestra è sicuramente Giorgia Meloni, con il 26% dei voti. Si tratta, con ogni evidenza, di una richiesta di ringiovanimento, ma anche di solidi riferimenti identitari. Segue Matteo Salvini, staccato però di 10 punti percentuali. Con lui la Lega semi-affondata dagli scandali è risorta e ora molti guardano al Carroccio come a un possibile Front national italiano. Dato significativo è anche quello che vede al terzo posto, con il 15% dei voti, la voce “nessuno di questi”: evidentemente, a destra la voglia di cambiamento radicale e azzeramento delle nomenclature è ancora molto forte. O forse si tratta di quella quota di votanti già transitata dal Pdl a Grillo, o addirittura al riformista Renzi, chissà. Sorprende anche la quarta posizione: nel primo gradino oltre il podio troviamo infatti niente di meno che Gianfranco Fini, il più amato e odiato della storia della destra recente. L'ex presidente della Camera totalizza un invidiabile 8%. Dopo l'avventura di Futuro e Libertà, sostanzialmente bocciata dagli elettori e naufragata nel nulla, dopo un periodo di riflessione, fatto di ospitate, riflessioni, interviste e libri, Fini ha annunciato da tempo di voler ridiscendere in campo. Avrà ancora una sua credibilità e un pubblico disposto a seguirlo? Dal nostro sondaggio sembrerebbe di sì. L'altro transfuga celebre dl Pdl, Angelino Alfano, raccoglie invece il 6% dei voti, così come l'ex “formattatore” e sindaco di Pavia Alessandro Cattaneo e il sindaco di Verona Flavio Tosi. Dietro di loro, con un ben magro 5%, arriva Silvio Berlusconi. Un tempo si vantava di essere l'unico ad avere il “quid” per guidare il popolo dei moderati, ma oggi il Cav sembra aver imboccato una netta parabola discendente. Ed è certo una bella soddisfazione, per Fini e Alfano, averlo staccato nettamente, anche se solo nei sondaggi. Né sembra godere di consensi l'idea di una transizione dinastica: Marina Berlusconi raccoglie infatti soltanto il 4%, così come Raffaele Fitto, tanto abile nel raccogliere preferenze alle urne quanto poco convincente come leader del centrodestra (almeno fra i lettori di IntelligoNews). Pochi consensi per il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, attestata sul 2%, così come Giovanni Toti. Lapidario 0%, infine, per l'ideatore dell'esercito di Silvio, Simone Furlan.
caricamento in corso...
caricamento in corso...