Corsaro (FdI): «Il centrodestra ha celebrato il suo funerale: Berlusconi non è più...»

03 ottobre 2013 ore 12:02, intelligo
Corsaro (FdI): «Il centrodestra ha celebrato il suo funerale: Berlusconi non è più...»
di Andrea De Angelis «Ieri si è consumato il funerale del centrodestra: i suoi valori dovranno trovare un'altra rappresentanza». Così Massimo Corsaro, parlamentare di Fratelli d'Italia, analizza su IntelligoNews il voto di fiducia al governo Letta. Per Corsaro l'unica a vincere è stata l'Europa: «Vincono le banche e la speculazione internazionale, perde l'Italia». Per l'esponente di Fratelli d'Italia escono sconfitti sia Pd che Pdl: «Si erano messi insieme per salvare Berlusconi e per frenare l'ascesa di Renzi. Hanno perso entrambi». Come analizza il voto di fiducia di ieri alla Camera e al Senato? «Ieri si è consumato il funerale del centrodestra. L'ala di pensiero sviluppatasi dal 1994 per una intuizione di Berlusconi, con il sogno di un Paese svincolato da burocrazia e sindacati, fondata sulla meritocrazia e sull'abbassamento delle tasse è finita. Questi valori dovranno trovare adesso udienza e rappresentanza in qualcos'altro». Magari in Fratelli d'Italia? «Da ieri sono ancora maggiormente confortato di essere parte di Fratelli d'Italia, che certamente non ha l'ambizione di essere l'approdo per tutta quest'area, ma certamente apre le porte per costruire il centrodestra del domani. Ieri si è consumato un atto definitivo, la fine del vecchio centrodestra è terminale. A chi mi dice che continua l'abbandono a Berlusconi e che noi lo abbiamo fatto per primi, rispondo che a differenza degli altri noi siamo nati non in corso d'opera, ma durante la campagna elettorale. Abbiamo così dimostrato che a destra c'è qualcuno che non è disposto a sommare i propri voti con la sinistra...». Possiamo immaginare un centrodestra unito sotto il simbolo di An, una riunificazione che comprenda anche Fratelli d'Italia? «Il simbolo di An mi sta a cuore, ma non credo che la politica debba tornare indietro. Tornare ad Alleanza Nazionale non sarebbe corretto perchè i tempi cambiano, ciò che non vuol dire che non si debbano mettere insieme tutti coloro che a destra hanno una sensibilità comune su temi quali la famiglia, il governo del territorio, la cittadinanza, la pressione fiscale. Questo è un dovere più che un'opportunità. Ma credo che sarebbe sciocco tornare al vecchio simbolo di An...».
Corsaro (FdI): «Il centrodestra ha celebrato il suo funerale: Berlusconi non è più...»
Torniamo al voto di fiducia. Ieri chi ha vinto e chi ha perso?
«Ha vinto l'Europa della finanza e della banche, ha trionfato la speculazione internazionale, ha perso senza dubbio l'Italia. Vincono i poteri che non si confrontano mai con gli elettori». Dunque tra Pd e Pdl non vede differenze? «Si erano messi insieme con fini diversi: il Pdl per salvare Berlusconi, il Pd per frenare l'ascesa di Renzi. Hanno perso entrambi...». Domani si vota la decadenza di Berlusconi: l'esito è scontato? «Credo proprio di sì, ne è conseguenza anche la resa di ieri. Il suo percorso è finito, anche se politicamente potrà avere un ruolo anche fuori dal Parlamento. La sua figura potrà servire da spunto per qualcuno, ma non è più il presente».      
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...