La Giunta vota il voto palese. Il Cavaliere furioso annulla il pranzo con i ministri-alfaniani. Vertice di “guerra” a Palazzo Grazioli coi falchi

30 ottobre 2013 ore 16:00, Lucia Bigozzi
La Giunta vota il voto palese. Il Cavaliere furioso annulla il pranzo con i ministri-alfaniani. Vertice di “guerra” a Palazzo Grazioli coi falchi
Sette a sei. E’ finita così. Favorevoli: M5S, Pd e Scelta Civica; contrari: Pdl,Lega, Gal e SVP-Autonomie. A fare la differenza, il voto della senatrice montiana Linda Lanzillotta, esponente di Sc nella Giunta di Palazzo Madama. Voto palese per Berlusconi, direttamente in Aula. Redde rationem dentro il Pdl e tra Pdl e governo?
Certo è che con la decisione della Giunta riesplode il caso. E tutti si chiedono: cosa succederà in Aula? Stando ai numeri del pallottoliere parlamentare, se si sommano i voti di Pd, M5S e Sel pare scontato che passi la decadenza del Cav da senatore. Ma potrebbero anche esserci sorprese dell’ultimora secondo il clichè delle ultime settimane (vedi voto sulla fiducia). Il primo effetto c’è già: Pdl sugli scudi coi fedelissimi berlusconiani che sparano alzo zero. Intanto un Berlusconi furioso, secondo gli spifferi di Intelligonews, soprattutto per la mossa di Sc e del Pd, ha annullato il pranzo previsto coi ministri per fare il punto sulla legge di stabilità, altro tema sul quale proprio ieri l’ex premier aveva alzato il tiro all’indirizzo di Palazzo Chigi facendo intendere di essere pronto a staccare la spina se l’esecutivo non eviterà la decadenza e se in Finanziaria sarà mantenuto un livello di tassazione eccessivo. Il rinvio sarebbe legato alle fibrillazioni di queste ore. Il Cavaliere non avrebbe gradito la decisione del Pd e di Scelta Civica di rendere palese il voto su decadenza e ineleggibilità. Ma c’è anche chi, in Transatlantico, si spinge a ritenere che il vero motivo derivi dal fatto che il faccia a faccia di ieri sera con Alfano non abbia dato un esito positivo. Non solo: dieci minuti dopo il pronunciamento della Giunta a Palazzo Grazioli scatta un “vertice di guerra” coi falchi Bondi e Verdini. Nel pomeriggio Berlusconi vedrà Fitto sempre più intenzionato ad anticipare il Consiglio nazionale fissato per l’8 dicembre. Intanto la Lanzillotta, vicepresidente del Senato, spiega che la decisione a favore del voto palese “è stata adottata dopo un'analisi approfondita delle norme e dei precedenti e dopo un'importante discussione nella giunta”. La premessa è che il Senato applica per la prima volta la legge Severino, per questo “non esistono precedenti invocabili in modo univoco e non esiste nel regolamento del Senato una norma esplicita che indichi la modalità di votazione utilizzabile nei casi analoghi ma non identici (ineleggibilità e incompatibilità) sottolinea la Lanzillotta che aggiunge: “Il voto segreto è stato applicato in via di prassi. Il regolamento della Camera, inoltre, precisa invece che il voto per la decadenza non è un voto sulla persona e quindi si applica il voto palese. In altre occasioni, poi, alla luce di nuove valutazioni giuridiche e istituzionali, prassi consolidate sono state modificate senza che fossero mutate le norme positive. Nel caso di specie, non c’è dubbio che il voto non riguardi la persona ma solo il mero accertamento dell'esistenza di un presupposto di integrità morale che condiziona la composizione del Senato. Non vi sono scelte discrezionali o di coscienza del parlamentare che possono essere compromesse dal voto palese”. Se i grillini cantano “vittoria”, nel senso letterale del termine con il capogruppo dei 5Stelle al Senato, Taverna che esulta (“vittoria. Sarà voto palese come ha sempre proposto dal primo giorno il Movimento 5 Stelle. Con il voto palese la stella della trasparenza illumina il buio del Senato”), i lealisti si preparano alla battaglia finale. Basta il tweet di Brunetta per capire che aria tira: “Dalla Giunta una decisione assurda e senza precedenti contro Berlusconi. Una decisione contra personam e senza alcun senso. Inaccettabile”.
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...