Mutilano bambino per prenderne gli organi: uccisi dalla folla. Tra loro un italiano

04 ottobre 2013 ore 11:12, intelligo
Mutilano bambino per prenderne gli organi: uccisi dalla folla. Tra loro un italiano
di Andrea De Angelis Siamo in Madagascar, la storia che vi raccontiamo non è adatta ai deboli di cuore. Ma è vera, e perciò non può essere taciuta. Un bambino di otto anni, catturato da tre uomini, è stato ucciso e poi mutilato per prenderne le "parti buone per il mercato". Sì, il mercato. Perché il traffico di organi non conosce confini, e per questo un francese e un italiano si erano recati in Madagascar: uccidere innocenti e rivenderli a famiglie disperate. Distruggerne una per risollevarne un'altra. A guadagnarci erano innanzitutto loro. Sono stati linciati a Nosy Be da una folla inferocita, che aveva ritrovato il corpo del bambino con orrende mutilazioni. Una delle tre vittime è italiana: a confermarlo è la Farnesina tramite un corrispondente consolare, poiché l'Italia non riconosce l'attuale governo del Madagascar, nato da un golpe.
Mutilano bambino per prenderne gli organi: uccisi dalla folla. Tra loro un italiano
Il capo del distretto di Nosy Be, Malaza Ramanamahafahy, non ha confermato se l'italiano di cui per ora è stato diffuso solo il nome (Roberto),  avesse anche la nazionalità francese. Ma ha precisato che il suo visto era scaduto e si trovava quindi in situazione irregolare in Madagascar. Gli altri due uomini uccisi sono un francese (Sebastien Judalet) e un malgascio che, secondo indiscrezioni, potrebbe essere lo zio del bambino ucciso.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...