Rosatellum bis, Rossi (Mdp): "Legge aberrante, Renzi ne ha fatti fuori due con un colpo"

11 ottobre 2017 ore 12:24, Andrea Barcariol
Inizia oggi, alle ore 13.45, alla Camera dei deputati il voto del cosiddetto Rosatellum bis su cui il Governo ha chiesto la fiducia scatenando l'ira delle opposizioni. Il MoVimento 5 Stelle ha organizzato una manifestazione davanti a Montecitorio, mentre i partiti di sinistra si sono dati appuntamento al Pantheon per protestare. Su questa vicenda IntelligoNews ha intervistato Enrico Rossi, presidente della Toscana e cofondatore di Articolo Uno Mdp.

Rosatellum bis, Rossi (Mdp): 'Legge aberrante, Renzi ne ha fatti fuori due con un colpo'
Il Rosatellum bis è una prova tecnica di inciucio post voto?


"Se lo dicessi io direbbero che sto strumentalizzando, visto che lo sostengono tutti i commentatori cosa si può aggiungere? Mi pare una mossa azzardata, persino stupida. Tutti dicono che la legge è aberrante, non garantirà governabilità e farà un Parlamento di nominati. Poi ci si mette anche una fiducia che verrà votata dalla Lega. Avremo quindi una legge dei due Matteo. Non mi pare una grande cosa oltretutto fatta a ridosso delle elezioni, quando sarebbe stato il caso di cercare un'intesa più ampia o comunque limitarsi a una correzione e mettere le due leggi sullo stesso piano, quella del Senato e della Camera, così come sono uscite dalla Corte Costituzionale. Siamo sicuri che mettere la fiducia sia Costituzionale? Io non sono un giurista ma l'art. 72 sembrerebbe dire cose diverse e comunque risulterebbe che la Corte Costituzionale non si è mai pronunciata su questo tema. Si rischia quindi di avere un'altra volta una legge incostituzionale. Si vuole comprimere la rappresentanza con lo scopo anche di dare un calcio al Movimento 5 Stelle".

Che effetti avrà sugli elettori del Movimento 5 Stelle chiamati oggi in piazza da Di Maio?

"Io penso che tutto questo finirà con il dargli forza, mi sembravano su un binario non troppo positivo e attivo, ora invece hanno un grande argomento per fare la campagna elettorale. Insomma Renzi è in campo".

Si è consumato lo strappo tra Pisapia e Mdp, crede che si possa arrivare a una ricomposizione?

"Mi auguro veramente di sì, mi pare che questa splendida mossa renziana fa fuori in un colpo solo Pisapia e Gentiloni".

Perché?

"Pisapia è stato costretto a dichiarare che a queste condizioni non ci può essere unità con il Pd mentre Gentiloni sparisce come uomo istituzionale prestandosi a mettere la fiducia su una legge che lui stesso disse che avrebbe assecondato senza però intervenire direttamente sugli aspetti legislativi. Invece lo ha fatto. Spero che Pisapia possa riaprire un dialogo con noi, ha già ricevuto una prima smentita sul fatto che con questo Pd si possano fare alleanze".

Fa riferimento alla nuova legge elettorale?

"Sì, certo, sulla legge elettorale ha ricevuto in poco tempo una smentita".

caricamento in corso...
caricamento in corso...