Migranti, Ferrero (Prc): "Decreto Minniti sulla linea di Trump. Lo porterò alla Consulta"

12 aprile 2017 ore 13:23, Americo Mascarucci
Anche la Camera ha dato l'ok al decreto legge Minniti sul contrasto dell’immigrazione illegale. La legge prevede in sostanza nuovi centri di permanenza per il rimpatrio, il taglio dei tempi d'esame per le domande d'asilo, l'eliminazione di un grado di giudizio per i ricorsi, la possibilità per i richiedenti di svolgere lavori socialmente utili e lo stanziamento di 19 milioni di euro per l'esecuzione delle espulsioni. Ma c'è un aspetto, quello relativo all'abolizione del secondo grado di giudizio per i ricorsi contro le espulsioni, che secondo molti potrebbe mettere a rischio la costituzionalità del Decreto fino a renderlo inapplicabile. Ne è convinto fra gli altri il leader di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero che ad Intelligonews annuncia iniziative alla Corte Costituzionale proprio rivolte a far riconoscere l'incostituzionalità della legge.
Migranti, Ferrero (Prc): 'Decreto Minniti sulla linea di Trump. Lo porterò alla Consulta'

Sul decreto legge immigrazione c'è chi paventa dubbi di costituzionalità riguardo alle espulsioni e all'abolizione del secondo grado di giudizio per i migranti che faranno ricorso. Anche per voi il provvedimento potrebbe rischiare la bocciatura da parte della Consulta?
 
"Credo proprio di sì, è evidentemente anticostituzionale. Se a me tolgono la patente ho diritto a tre gradi di giudizio, mentre se scappo da una guerra e mi bocciano la richiesta di asilo ne ho soltanto uno. E’ una cosa che non sta in piedi, direi che è una cosa da matti. Troveremo il modo, con le altre forze che si oppongono alla legge, di fare ricorso alla Corte Costituzionale per far rilevare l'incostituzionalità della norma. Tuttavia è opportuno evidenziare perché il Governo e il Pd fanno una cosa del genere". 

Perché?

"Certamente non lo fanno perché sono ignoranti ma perché agiscono per una ragione di fondo: questi decreti fondamentalmente non servono a nulla dal punto di vista concreto, ma servano a dare risposte ad un allarme che c'è nell’opinione pubblica come ha ammesso lo stesso Minniti. Si sta nel campo della propaganda, una propaganda di destra. Invece di risolvere i problemi concreti, penso al problema della casa, dei servizi sociali, all'esigenza di evitare i ghetti nelle periferie, si mette in campo un provvedimento demagogico che rischia di non essere applicabile, per stare dentro la modalità di destra e leghista di agitare il tema dell’immigrazione. Questo è gravissimo. Vuol dire che si mette ancora più benzina sul fuoco del razzismo, anziché combattere il razzismo risolvendo i problemi che lo creano".

Non c'è nulla in questa legge che può essere salvato?

"E' ovvio che quando si fa una legge c’è sempre un punto di buon senso. Ad esempio penso che questa cosa della possibilità di affidare lavori socialmente utili per i richiedenti asilo sia una buona cosa soprattutto per loro che non stanno con le mani in mano. Quella della riapertura dei centri per i rimpatri è invece un’altra scelta inutile visto che non ci sono gli accordi di rimpatrio, e anche qui siamo nell’ambito della propaganda. Il Decreto complessivamente è sbagliato ma capita pure di trovarci qualcosa di utile, un po' come un orologio che, almeno due volte al giorno segna l'ora esatta".

Eppure sono in molti, anche fra gli avversari, a riconoscere al ministro Minniti il merito di aver messo mano al problema senza timori e con la consapevolezza che l'immigrazione generi anche caos di ordine pubblico.

"Non mi stupisce che Minniti riceva apprezzamenti anche da destra. Del resto lui con questo provvedimento ha dimostrato di essere sulla linea di Trump. Mentre negli Stati Uniti si combattono le scelte politiche di Trump sull’immigrazione, in Italia il Governo Gentiloni fa proprie le politiche della destra repubblicana. Questo è il motivo per cui è necessario costruire un’alternativa di sinistra ad un Pd che da Partito Democratico sta diventando sempre di più Partito di Destra". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...