Forconi contro Osvaldo Napoli, CasaPound: "Non è squadrismo ma......"

15 dicembre 2016 ore 23:59, Americo Mascarucci
La protesta dei Forconi, con il finto arresto dell'ex parlamentare di Forza Italia Osvaldo Napoli, finito con l'intervento dei Carabinieri e con la denuncia dei manifestanti, è stato definito da più parti un "atto di squadrismo" soprattutto da parte della sinistra che ha espresso solidarietà nei confronti di Napoli.
Ma si può parlare davvero di squadrismo con riferimento ovviamente ai primi anni del Fascismo?
Simone Di Stefano, vicepresidente di CasaPound , ad Intelligonews respinge paragoni con lo squadrismo fascista ma tuttavia evidenzia come quella dei Forconi non sia la forma di protesta più giusta ed efficace.

Quanto fatto dai Forconi contro Osvaldo Napoli può essere davvero inquadrato come atto di squadrismo?

"Ma quale squadrismo. Andiamoci piano. Prima di fare certi paragoni bisognerebbe studiare la storia e prendere coscienza di ciò che si sostiene. Lo squadrismo si inquadrava in una guerra civile che si combatteva in Italia fra fascisti ed estremisti di sinistra. Nel 1919 e nel 1920 i comunisti, che all'epoca si chiamavano ancora Socialisti, volevano tramutare l’Italia in una repubblica sovietica e i fascisti cercavano di impedirlo. Gli squadristi non andavano a chiamare il maresciallo dei Carabinieri per far arrestare il politico. Il fatto è che la sinistra utilizza a sproposito il termine squadrista anche per denigrare chi si permette di alzare troppo la voce. Se studiassero la storia eviterebbero di dire tante stupidaggini".

Il gesto dei Forconi, per quanto discutibile, è comunque il segno di un malessere diffuso e di una forte tensione sociale. Non è che bollando tutto come squadrismo si finisce poi per non capire che la gente è stanca e che quando non ne può più è pure capace di azioni estreme? 

"Che la gente sia esasperata è fuori di dubbio, ma è altrettanto vero che la protesta per essere davvero efficace deve avere una finalità, non può essere soltanto urla e slogan.  Noi di CasaPound nel 2013 abbiamo partecipato alle manifestazioni dei Forconi, ma poi abbiamo preso atto che da parte loro non c'è una visione programmatica. Non si può gridare soltanto contro i politici e chiedere che vadano a casa, dobbiamo anche offrire un'alternativa credibile agli elettori. CasaPound ha un programma politico con cui si presenterà alle elezioni per ottenere almeno il 3% ed entrare in Parlamento. Vogliamo spaventarli dentro il palazzo, non soltanto fuori, le urla e i gesti eclatanti sono utili forse a conquistare spazi sui giornali, ma del tutto inefficaci a cambiare realmente le cose".
Forconi contro Osvaldo Napoli, CasaPound: 'Non è squadrismo ma......'

caricamento in corso...
caricamento in corso...