Appendino, Bordo (Pd): "M5S come Berlusconi: se indagati è complotto"

18 ottobre 2017 ore 13:49, Andrea Barcariol
Indagata la sindaca di Torino Chiara Appendino. La procura ha aperto un nuovo fascicolo d’inchiesta: falso ideologico in atto pubblico per «avere indotto in errore» la dirigente dell’ufficio finanziario del Comune, i revisori dei conti, la giunta e il Consiglio comunale in relazione al bilancio di assestamento del 2016. Alla sindaca il procuratore aggiunto contesta di non aver inserito a bilancio un debito di 5 milioni. Su questa vicenda IntelligoNews ha intervistato Michele Bordo, parlamentare del Pd.

Appendino, Bordo (Pd): 'M5S come Berlusconi: se indagati è complotto'
Che idea si è fatto della vicenda Appendino?


"Noi siamo sempre garantisti, altri lo sono a seconda della propria convenienza. Un dato politico c'é: il M5S ha amministratori indagati in molte città che governano. Colpa dell'inesperienza, dell'incapacità e di scelte che sono al limite della legalità. Ci affidiamo al giudizio che darà la magistratura e rispettiamo la possibilità che avrà la sindaca Appendino di giustificare le scelte fatte".

Recentemente anche la sindaca di Roma Virginia Raggi ha avuto problemi con il bilancio con la bocciatura dei revisori dei conti. Si può fare un parallelismo?


"Questi atti al limite della legalità sono frutto di un'incapacità di governo, un giudizio che noi esprimiamo da tempo. Evidentemente non si rendono conto delle scelte che fanno, la magistratura ci dirà se sono state fatte in buona fede o con l'intento di commettere un reato".

Di Maio ha detto che sono "sotto attacco e che Chiara Appendino viene indagata per aver risanato i conti". Cosa ne pensa?


"Negli anni scorsi era Berlusconi che ogni volta che c'erano indagini della magistratura nei suoi confronti o nei confronti di esponenti del suo partito gridava al complotto. Noi di complotti non parliamo mai, anche quando risultano indagati esponenti del Pd. Il M5S che ha sempre sbandierato i temi dell'onestà e della legalità, imparasse a rispettare le prerogative della magistratura che fa il suo lavoro ed è indipendente".

La sindaca di Torino, in termini di gradimento dei cittadini era la punta di diamante del M5S nelle città che amministra. Poi c'è stata la vicenda degli scontri in piazza in occasione della finale di Champions e l'indagine della Procura. Che contraccolpo potrà esserci per il Movimento?

"Noi avevamo detto che anche a Torino c'era un problema. Quella è una realtà governata molto bene dal predecessore della Appendino (Piero Fassino ndr) che ha perso le elezioni più per ragioni nazionali che per motivi legati all'esperienza amministrativa. Mi pare che i nodi che ponevamo stiano venendo al pettine. Sul piano politico i cittadini si stanno rendendo conto che il M5S non è in grado di amministrare i Comuni e farebbero danni enormi al governo del Paese".

caricamento in corso...
caricamento in corso...