Bankitalia, Moretti (Pd): "Da Renzi nessun populismo alla M5S ma linea dura"

19 ottobre 2017 ore 12:50, Andrea Barcariol
Dal referendum di domenica per l'autonomia di Veneto e Lombardia alla vicenda Bankitalia, con la mozione di sfiducia al governatore Visco e lo scontro interno tra i dem. Intervistata da Intelligonews Alessandra Moretti, consigliera regionale del Pd in Veneto, prova a fare chiarezza su due temi al centro del dibattito politico.

Bankitalia, Moretti (Pd): 'Da Renzi nessun populismo alla M5S ma linea dura'
Sulla mozione contro Visco, Renzi ha dichiarato "è una fase nuova, la vigilanza non funzionò". Molti analisti politici però la considerano una mossa da campagna elettorale. Cosa ne pensa?

"Ritengo che il gruppo del Pd abbia fatto bene a proporre questa indicazione al governo alla luce di quanto successo in questi anni nel sistema bancario italiano. Ci sono state responsabilità importanti su chi doveva vigilare. La Commissione d'inchiesta avrà il compito di accertarle ma penso che non possa passare inosservato l'atteggiamento di chi presiedeva quell'istituto".

Intervistata oggi da Intelligonews, Chiara Geloni ha detto che Renzi su Bankitalia sta sfidando il M5s sul populismo. Come risponde?

"Renzi ha sempre avuto parole chiare e anche molto dure nei confronti delle banche. Ricordo che il consiglio d'amministrazione di Banca Etruria è stato destituito proprio per volontà del Presidenza del Consiglio che all'epoca era Matteo Renzi. Ricordo gli interventi fatti per salvare i risparmiatori, i dipendenti e i correntisti delle banche Venete. Quindi è un'accusa che respingo al mittente".

Berlusconi sostiene che anche molti sindaci del Pd voteranno per l'autonomia. Lei che idea si è fatta?

"Non è messa in discussione la legittima richiesta di una regione come il Veneto, che è schiacciata tra due regioni a statuto speciale, di ottenere più autonomia su alcune materie definite dalla Costituzione. Il punto è che questo referendum viene utilizzato da Maroni e Zaia per fare campagna elettorale con i soldi dei veneti e dei lombardi perchè sappiamo bene che si tratta di un voto assolutamente inutile rispetto al percorso di negoziazione che la nostra Costituzione richiede per ottenere maggiore autonomia. Quello che è  accaduto ieri, con il presidente dell'Emilia Romagna che ha ottenuto da Gentiloni la firma sulla negoziazione per l'autonomia richiesta, svuota di significato e rende evidente la strumentalità di un referendum pagliacciata".

Berlusconi ha detto che la linea del Pd è "centralista e statalista", non crede che sia una visione superata?

"Se oggi le regioni possono chiedere più autonomia è grazie al Pd che nel 2001 fece la riforma del titolo V della Costituzione. I fatti smentiscono le parole di Berlusconi".

#moretti #referendum #autonomia
caricamento in corso...
caricamento in corso...