Attentato in Turchia, Tofalo (M5s): "Italia polveriera d'individui pronti a innescarsi"

02 gennaio 2017 ore 16:27, Andrea De Angelis
"La Turchia è ormai sprofondata in un vero e proprio vortice di violenza". Lo dice nell'intervista a IntelligoNews Angelo Tofalo, deputato del Movimento 5 Stelle e membro del Copasir. "La situazione è molto complessa a causa del numero dei gruppi terroristi. Abbiamo uno scenario riempito dai gruppi del Pkk, del Tak, il Dhkp-C, dell'Isis, nonché l'organizzazione di una sorta di stato parallelo che risponde ancora a Gulen ed altri gruppi minori" aggiunge Tofalo, che poi parla anche dei rischi in Italia. "Chi si è occupato di politica della sicurezza in questi ultimi anni ha fallito totalmente. Lo sanno tutti ormai. L'Italia è terra di passaggio e "centro logistico" di pericolosi terroristi".

Cosa sta accadendo nel Paese di Erdogan? L'attentato di ieri è solo l'ultimo atto terroristico che scuote la Turchia.

"Penso che la Turchia oggi sia tra i paesi più vulnerabili d'Europa. Il drammatico attentato di Capodanno al Reina ne è l'esempio. In questo modo è stato colpito il vero cuore della Istanbul europea. Dietro l'ennesima strage c'è ancora una volta l'ombra nera dello Stato Islamico. Hanno perso la vita ben 39 persone. Ricordo gli attentati di Sultanahmet, quello di Ankara, quello di Ataturk, il golpe dello scorso 15 luglio, la Turchia è ormai sprofondata in un vero e proprio vortice di violenza".

La situazione è complessa?

"La situazione è molto complessa a causa del numero dei gruppi terroristi. Abbiamo uno scenario riempito dai gruppi del Pkk, del Tak, il Dhkp-C, dell'Isis, nonché l'organizzazione di una sorta di stato parallelo che risponde ancora a Gulen ed altri gruppi minori. Credo che ci vorrà del tempo per ristabilire gli equilibri nel Paese".

Attentato in Turchia, Tofalo (M5s): 'Italia polveriera d'individui pronti a innescarsi'
Venendo ai pericoli per l'Italia, da chi e come bisogna difendersi?

"L'Italia è diventata una polveriera di individui pronti ad innescarsi. Chi si è occupato di politica della sicurezza in questi ultimi anni ha fallito totalmente. Lo sanno tutti ormai. L'Italia è terra di passaggio e "centro logistico" di pericolosi terroristi. Basti pensare al tragico attentato di Berlino e all'uccisione del tunisino Anis Amri a Sesto San Giovanni". 

Come si arrivati alla condizione di cui parla?

"Bisognerebbe chiederlo ai protagonisti politici dell'ultimo decennio, da quando Maroni era ministro dell'Interno e Gianni Letta Autorità Delegata ai Servizi Segreti, nonché Minniti che oggi è all'Interno e fino a ieri "comandava" le Agenzie per la Sicurezza nazionale che ahimè hanno fatto notevoli passi indietro e vanno totalmente riorganizzate adeguandole alle mutate minacce. Bisognerà ripuntare sul potenziamento della "Humint" per infiltrare le organizzazioni terroristiche. Fondamentale sarà anche il monitoraggio tramite intercettazioni dei potenziali terroristi. Importante sarà inoltre iniziare ad organizzare un serio controllo e monitoraggio nelle carceri per lavorare sulla de-radicalizzazione dei potenziali terroristi".

Minniti ha parlato di allerta ancora alta, anche dopo Capodanno dunque?

"L'allerta in Italia è alta da mesi ormai per i motivi di cui dicevo ed altri. È normale che in giorni particolari, in cui grandi masse di persone si aggregano in piazza, si creino le condizioni tali da mettere più a rischio la sicurezza. Confido molto nelle nostre forze dell'ordine ed anche in tutti gli operatori della sicurezza la quale, oggi più che mai, deve essere "partecipata". La diffusione della cultura della sicurezza, mi permetta di sottolinearlo, resta un punto fondamentale per far crescere il nostro sistema Paese in maniera più adeguata alle minacce attuali. Confido infine molto negli uomini che operano nel settore intelligence, nelle nostre Agenzie per le informazioni per la sicurezza interna ed esterna. Un po' meno, me lo lasci dire, in coloro che hanno sfruttato un settore, quello della sicurezza, poco o mal percepito per anni dall'opinione pubblica, ma che oggi diventa assolutamente centrale".
caricamento in corso...
caricamento in corso...