Ddl fake news, Blondet: "Anche fascismo e comunismo agivano così: silenziano le voci libere"

02 marzo 2017 ore 13:08, Marta Moriconi
"Il disegno di legge contro le fake news", di cui è proponente la senatrice Adele Gambaro "è pericoloso". Con questo strumento le oligarchie metteranno il bavaglio a tutte quelle realtà dell'informazione che sfuggono al loro controllo".
La pensa così lo scrittore Maurizio Blondet raggiunto da Intelligonews al convegno 'Regolamentazione dell'online: NO a proposte liberticide'' svoltosi alla Sala dell'Istituto di Santa Maria in Apiro, presso il Senato della Repubblica, a cui hanno preso parte numerosi relatori.  
Ddl fake news, Blondet: 'Anche fascismo e comunismo agivano così: silenziano le voci libere'
Cosa c'è in questo Ddl che non va? Cosa è contraddittorio?

"Siamo di fronte ad un progetto che nasce dall’Unione Europea, da un’oligarchia che teme di perdere il suo potere e ha individuato nei blog alternativi ai giornali una possibile opposizione alla loro politica. Questi blog sfuggono al loro controllo e questo dà fastidio. Le voci libere vanno silenziate".

Nel Ddl si parla di punire la divulgazione di notizie false o tendenziose. Non è un pò troppo generico il termine tendenzioso, alla fine chi potrebbe stabilire la tendenziosità o meno di una notizia?

"Il Fascismo e il Comunismo agivano così, sopprimendo le notizie volte a turbare l'ordine pubblico. Io, notizie del genere, le scrivo ogni giorno (sorride, ndr)".

Anche i giornali lo fanno? 

"I media sono molto abili a manipolare, mischiare e nascondere le notizie scomode facendogli perdere il reale valore e l'efficacia".

E' più grave la multa, il carcere, oppure il fatto di volere una legge ad hoc quando è giù punita la diffamazione dal nostro codice penale?

"In Italia le querele per diffamazione hanno principalmente una funzione intimidatoria soprattutto per ciò che concerne gli effetti civili. I risarcimenti rischiano di portare i querelanti alla rovina visto che spesso e volentieri non possono permettersi di pagare certe cifre esorbitanti. Quindi per non rischiare preferiscono non scrivere. E poi dicono che c'è libertà d'informazione".

Pensa che in Parlamento ci saranno politici pronti ad opporsi a questo provvedimento?

"Cosa vuole che le dica, io non ho la minima fiducia verso questa classe politica. Questi non li vota nessuno, ma fanno di tutto e si inventano ogni cosa per restare al proprio posto".


caricamento in corso...
caricamento in corso...