Tensione Usa-Russia, Purgatori: “Effetti globali. Nord Corea, Trump reagirà”

20 giugno 2017 ore 16:46, intelligo
L’abbattimento del jet siriano da parte degli Stati Uniti avrà conseguenze di portata inevitabilmente globale, visto che su quel teatro sono schierati i due attori principali dello scacchiere mondiale. Usa e Russia. Quanto alla morte dello studente americano riconsegnato dalla Corea del Nord a Washington dopo una lunga detenzione, c’è da aspettarsi una reazione forte da parte di Donald Trump, che altrimenti corre il rischio di vedere gravemente appannata l’immagine degli Stati Uniti. Sono le previsioni che il giornalista Andrea Purgatori 
Tensione Usa-Russia, Purgatori: “Effetti globali. Nord Corea, Trump reagirà”
formula in un’intervista concessa a IntelligoNews


Crede che l’abbattimento del jet siriano da parte delle forze statunitensi rimarrà una vicenda su scala locale o teme conseguenze globali?

Anche se la vogliamo vedere solo sul piano locale, questa vicende avrà conseguenze di portata inevitabilmente globale. Non ci dimentichiamo che su quel teatro di guerra ci sono - al di là dei paesi mediorientali - tutti gli attori principali che governano la scena mondiale, in primis Russia e Stati Uniti. Vederla solo sul piano locale sarebbe un po’ riduttivo. È chiaro che il braccio di ferro in corso ha a che fare con la futura geopolitica di quell’area. Ma la futura geopolitica di quell’area ha a che fare anche con l’immagine, la politica e il peso specifico delle due superpotenze nel mondo.

Quanto accaduto in Siria può essere letto come una provocazione? 

No, credo siano messaggi mandati attraverso operazioni di guerra.  Penso anche alla tensione che scoppiò per una vicenda analoga tra Russia e Turchia, che poi hanno fatto pace. Anche quella vicenda aveva a che fare con il contenzioso tra due paesi che hanno interessi precisi nell’area. Non credo alla provocazione, credo che lì si stia giocando una partita di equilibri importanti. L’idea che Trump abbia abbandonato la politica filoiraniana di Obama per schierarsi con l’Arabia Saudita contro il Qatar, che è alleato dell’Iran, e con la Russia, che continua a sostenere l’asse con Damasco e con Teheran, è una cosa non da poco. Non ci dimentichiamo che l’Iran ha una influenza precisa nei confronti di Hamas e di Hezbollah, quindi la vicenda tira dentro anche Israele. La minaccia che Israele sente a nord e a sud è un ulteriore elemento di destabilizzazione potenziale.

Nel caso del jet siriano abbattuto vede un segno importante da parte dell’Amministrazione Trump?

Sì, ma la posizione dell’Amministrazione Trump appare molto improvvisata e velleitaria. L’idea di appoggiare l’Arabia Saudita contro il Qatar, nello stesso tempo però dando armi a tutte e due, non ha senso. In questa situazione, l’unica soluzione possibile è la creazione di uno Stato federato sunnita in Iraq. Ma escludere l’Iran come potenza di riferimento del Golfo da un’eventuale quadro di pacificazione dell’area è una scelta miope e suicida fatta in passato a cui Obama aveva posto rimedio: non si può fare la pace in Medio Oriente senza coinvolgere l’Iran. Trump può anche essere velleitario: il problema è che ha consiglieri meno competenti di quelli che c’erano prima.

L’Amministrazione Trump è sotto osservazione anche per la vicenda dello studente americano detenuto per 17 mesi in Corea del Nord, riconsegnato in coma una settimana fa dalle autorità di Pyongyang e poi morto. Finora la reazione di Trump è stata blanda.

Finora sì, ma mi aspetto che qualcosa succeda. Lì c’è un problema di immagine molto serio. Trump poco tempo fa decise di mandare una squadra navale a presidio dell’area e a esercitare un deterrente nei confronti di Kim Jong-un. Il leader nordcoreano, però, continua a tirare i suoi missili, gli Usa non fanno nulla, la Cina apparentemente non in grado di impedire alla Corea del Nord in Italia: a questo punto, se Trump non fa nulla, sul piano dell’immagine ha perso. Dopo la morte dello studente credo ci sarà una reazione - non so quando ma me l’aspetto. 
#Trump Siria #Russia #NordCorea

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...