Crollo Santa Croce, per Sgarbi: "Nessun colpevole, e ve lo spiego"

20 ottobre 2017 ore 11:05, Americo Mascarucci
Un blocco di pietra si è staccato da un capitello della chiesa di Santa Croce a Firenze cadendo da un'altezza di circa 30 metri e colpendo un turista spagnolo purtroppo morto sul colpo. La Procura di Firenze ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo. L'Opera di Santa Croce ha fatto sapere che appena una settimana fa era stato effettuato un controllo e i tecnici non avevano rilevato alcuna criticità. Intelligonews ha chiesto un parere al critico d'arte Vittorio Sgarbi.
Crollo Santa Croce, per Sgarbi: 'Nessun colpevole, e ve lo spiego'

Che idea si è fatto su quanto avvenuto?

"Credo che il patrimonio dello Stato debba essere sottoposto ad una vigile e costante manutenzione. Questo è un dato imprescindibile. Se chi di dovere questa manutenzione l'ha svolta regolarmente ritengo non si possano trovare responsabilità ad ogni costo".

L'Opera di Santa Croce sostiene di aver svolto tutti i necessari controlli appena una settimana fa, e tutto era in regola. Ci si chiede: ma un pezzo di capitello che si stacca da un soffitto può venire giù così all'improvviso senza che vi siano state prima delle avvisaglie, dei segnali?

"E' possibile. E' come la ruota di un'auto che si buca improvvisamente per una buca o per qualsiasi altra causa. Non è che uno la mattina controlla la ruota e può prevedere che si buca. Non è facile, anche con un controllo accurato, poter verificare l'esistenza di un punto debole che all'improvviso si può staccare. Credo che sarà difficile stabilire una responsabilità diretta. Ciò non toglie che serva una maggiore opera di vigilanza sui monumenti dello Stato".

Ci sono carenze da parte dello Stato in questo ambito e cosa andrebbe fatto per investire di più nella cura dei monumenti?

"Lo Stato non è un'entità astratta, ma il titolare di una responsabilità. Poi la vigilanza viene attribuita a qualcuno da parte di qualcun altro. Se è stata fatta una convenzione con un particolare organismo, è comunque sempre lo Stato che deve controllare. E' lo Stato che stabilisce che l'azione operativa, l'azione materiale del controllo in questo caso venga svolta dall'Opera di Santa Croce. quindi che la vigilanza la faccia uno o un altro non cambia nulla. Non esiste uno Stato infallibile".

Quindi alla fine è stato soltanto un incidente?

"Certo, se dal controllo è emerso che il capitello non era in bilico non è che si può prevedere che possa cadere. E' come pretendere di prevedere che un chiodo possa cedere da una parete facendo cadere a terra un quadro". 


caricamento in corso...
caricamento in corso...